Verso una rapida legalizzazione del matrimonio omosessuale in Irlanda del Nord

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Verso una rapida legalizzazione del matrimonio omosessuale in Irlanda del Nord

(Blogmensgo, blog gay dell'8 gennaio 2020) A seguito del vuoto politico-parlamentare che dura dal 2016 in Irlanda del Nord, è stato Julian Smith, segretario di Stato britannico per l'Irlanda del Nord, a firmare, il 19 dicembre 2019, un nuovo regolamento che mira a legalizzare il matrimonio omosessuale in Irlanda del Nord a partire dal 13 gennaio 2020. Siccome bisogna pubblicare gli annunci di matrimonio venti giorni prima, le prime coppie gay e lesbiche potranno sposarsi dal 14 febbraio 2020, vale a dire il giorno di San Valentino, in tutta l'Irlanda del Nord ed in particolare nella capitale Belfast.

Julian Smith ha twittato mentre firmava documenti storici e progressisti. © Julian Smith

La data di entrata in vigore del matrimonio gay in Irlanda del Nord non è stata scelta a caso. L'Irlanda del nord rimane al momento l'unico territorio delle isole britanniche e anglonormanne a non aver ancora legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso, dato che anche la minuscola isola di Sark sta per adottare la legalizzazione.

Le due camere del Parlamento britannico avevano ricevuto , nel marzo 2018, una mozione bipartisan presentata rispettivamente dal deputato laburista Conor McGinn e dal lord conservatore Hayward. Una legge votata nel luglio 2019 dal Parlamento di Westminster aveva fissato al21 ottobre 2019 la data limite di riattivazione di un governo e di un Parlamento in Irlanda del Nord, altrimenti il governo ed il Parlamento britannici si sarebbero sostituiti d'ufficio ai loro omologhi nord-irlandesi. Il vuoto istituzionale in Irlanda del Nord ha quindi permesso a Londra e Westminster di agire al posto di Belfast e Stormont.

Il ministro Julian Smith, ha ratificato questo 19 dicembre 2019, il report di un eventuale accordo politico che potrebbe mettere fine al vuoto istituzionale. È stato quindi il potere londinese, attraverso il documento firmato dal ministro Smith, ad introdurre un taglio delle leggi nord-irlandesi nei confronti della terminologia; i matrimoni non trasformeranno più solamente un uomo in marito e una donna in moglie, ma due persone non sposate in coppia unita in matrimonio, quale che sia il sesso dei due partner.

Gli omofobi hanno capito che non potevano impedire la legalizzazione del matrimonio gay in Irlanda del Nord col pretesto delle credenze religiose, poiché le attività governative e parlamentari non saranno restaurate prima dell'entrata in vigore del nuovo regolamento.

Presto delle bandiere rainbow in tutte le strade di Belfas ? © Andrew Butler / Unsplash

Dato che è impossibile impedire tale legalizzazione, gli omofobi si sforzano di modificarne i contorni. Sempre col pretesto delle credenze religiose e della libertà di espressione. Le modalità precise del matrimonio gay rimangono da definire, in particolare tutto ciò che concerne eventuali esenzioni o clausole secondo coscienza.

Le negoziazioni in corso lasciano intravedere che l'Ufficio per l'Irlanda del Nord (NIO) potrebbe accettare diversi emendamenti o deroghe prima dell'entrata in vigore della legge. Il NIO non ha ancora fatto sapere l'ampiezza di tali modifiche dell'ultimo minuto. Alcune organizzazioni cristiane reclamano che i ministri di culto non siano tenuti ad organizzare matrimoni religiosi omosessuali o a parteciparvi. In nome della libertà di espressione, esigono che la critica del matrimonio tra persone dello stesso sesso non sia considerata reato.

Infine, alcuni responsabili religiosi vogliono anche legalizzare la discriminazione omofoba, cosa che darebbe ad un'entità religiosa - col pretesto del rispetto dei propri valori - il diritto di escludere o di licenziare ogni persona che si sposi con una persona dello stesso sesso.

Solo il tempo dirà dove il governobritannico intende piazzare la banderuola dell'uguaglianza. Bisognerà anche pronunciarsi sul caso delle scuole religiose (escludere o rifiutare studenti se i genitori sono una coppia omosessuale?) e i dipendenti privati (licenziare un dipendente che si sposa con una persona dello stesso sesso?), che queste aziende abbiano o meno un carattere confessionale.

Sempre il tempo ci dirà in quale misura l'Irlanda del Nord, nei confronti del matrimonio omosessuale, seguirà l'Irlanda. In ogni caso, Belfast sarà presto luogo di celebrazioni per tutte le persone che si amano. Belfast, è anche il titolo di una canzone dei Boney M che ho ascoltato e ascoltato decenni fa… e il cui kitch oggi mi irrita i nervi. Ecco la prova:

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg