Quasi 2 000 matrimoni omosessuali in tre mesi a Taiwan… e già molti divorzi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Quasi 2 000 matrimoni omosessuali in tre mesi a Taiwan… e già molti divorzi

(Blogmensgo, blog gay del 21 ottobre 2019) Dall'entrata in vigore del matrimonio tra persone dello stesso sesso a Taiwan il 24 maggio 2019 fino alla fine di agosto 2019, circa 1.827 coppie dello stesso sesso si sono sposate… e 34 hanno già divorziato o hanno chiesto l'istanza di divorzio. Se le coppie maschili e femminili sono pressappoco lo stesso numero per quanto riguarda i divorzi, le lesbiche si sposano in numero doppio rispetto ai gay.

In tre mesi, 1.222 coppie di lesbiche si sono sposate a Taiwan e solamente 605 coppie di gay hanno fatto lo stesso. Il numero dei divorzi è più o meno equivalente (18 per gli uomini e 16 per le donne), ma il tasso di divorzio non è assolutamente comparabile: 2,98% tra le coppie maschili e 1,31% tra le coppie femminili. Ci si sposa molto di più e si divorzia molto di meno tra le lesbiche che tra i gay.

La città di Taipei avrà diritto a delle notti più arcobaleno? © Tom Ritson / Unsplash

Ricordiamo che il matrimonio omosessuale a Taiwan è sottoposto a diverse restrizioni legali che non ne fanno l'equivalente del matrimonio eterosessuale. Una di queste restrizioni riguarda il divieto di matrimonio internazionale tra persone dello stesso sesso se il Paese di uno dei due futuri sposi non ha ancora legalizzato il matrimonio omosessuale.

Contro tale discriminazione giuridica, la Taiwan Alliance to Promote Civil Partnership Rights (TAPCPR) ha deciso di intentare un'azione legale. Il collettivo LGBT contesta in particolare l'articolo 46 della legge relativa alla scelta della giurisdizione civile per le persone di nazionalità straniera. Tale articolo stipula che «la formazione di un matrimonio è regolata dalle leggi nazionali di ciascuna parte». Tuttavia, l'articolo 8 di questa stessa legge dichiara che se la legislazione di un Paese straniero «causa la violazione dell'ordine pubblico o della pubblica morale» a Taiwan, allora questa stessa legislazione è reputata inapplicabile sul suolo taiwanese.

Il ricorso del TAPCPR sarà innanzitutto presentato alla municipalità di Taipei, che ha rifiutato il 1° ottobre 2019 la domanda di matrimonio di un taiwanese (Ting Tse-yen, 28 anni) con un cittadino di Macao (Leong Chin Fei, 31 anni), dove il matrimonio gay rimane illegale. La TAPCPR stima che l'articolo 46 sia del tutto incostituzionale e che un'autorità locale abbia il diritto di ignorarlo. In caso di fallimento, il collettivo LGBT si rivolgerà alla Corte regionale di Taipei - e, se fosse necessario, fino alla Corte Costituzionale.

I querelanti sperano che una vittoria giudiziaria crei un precedente giuridico, poiché circa 200 coppie omosessuali si trovano in una situazione simile a quella di Tse-yen e Chin Fei. Con la differenza che Chin Fei ha potuto ottenere un visto taiwanese nonostante l'assenza di un legame familiare ufficiale con Tse-yen.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg