Yess, l’app che segnala i fornitori friendly (in Australia)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Yess, l’app che segnala i fornitori friendly (in Australia)

(Blogmensgo, blog gay del 15 aprile 2019) Jill Burgess ha sposato, il 30 marzo 2019, la compagna Kim con cui era in coppia da ventuno anni. La futura sposa ha preparato l'evento utilizzando un'app iOS e Android concepita da lei stessa. Questa app, chiamata Yess, recensisce tutti i fornitori e i prestatari di servizi desiderosi di lavorare con la comunità LGBTQIA. Molto pratica per trovare dei professionisti che lavorano senza discriminare. Sì, ma… Yess non è disponibile che in Australia. Altrove, è Noo - almeno per il momento.

Jill Burgess ha creato l'app Yess… per rendere redditizio il proprio matrimonio rendendo servizio alla comunità. 😉 ©getyess.com

Yess significa yes-services, in altre parole dei fornitori che dicono sì senza discriminare. L'app si scarica e si utilizza gratuitamente su smartphone o tablet. All'8 aprile 2019, riferisce 80 professionisti desiderosi di lavorare con la comunità LGBTQIA. Ma solamente in Australia, dove l'app è stata lanciata ufficialmente. E, per il momento, con una sovrarappresentazione della regione di Central Coast, in Nuovo Galles del Sud, dove Jill Burgess risiede e si è sposata.

Concretamente, l'app Yess recensisce fornitori in 22 mestieri o categorie di attività, dalla pasticceria al noleggio auto, dal fioraio alla bigiotteria, o ancora dall'hotel alla persona che celebra servizi religiosi. Si possono cercare fornitori friendly per ogni tipo di evento, che si tratti di un matrimonio o di un anniversario, di una cena in famiglia o una crociera, un consiglio finanziario o il ricorso alla procreazione medicalmente assisitita (PMA).

Se l'app rimane completamente gratuita per gli utenti, addebita ai professionisti ogni volta che vengono contattati, che sia per delle informazioni o per fare un ordine. Ma con tre modalità ben specifiche:

  1. Fornitori e prestatari di servizi pagano in base al loro settore di attività, ad esempio 3 dollari per dei corsi di danza fino a 10 dollari per il settore turistico.
  2. Una fatturazione unica per professionisti e per clienti, qualunque sia il numero di volte che i professionisti lavorano successivamente per la stessa persona.
  3. Non più di tre professionisti dello stesso settore in ogni zona urbana, cosa che offre automaticamente un premio ai primi che si iscrivono.

Per evitare di pagare una commissione ogni volta che qualcuno richiede informazioni o prezzi senza che poi segua un ordine, fornitori e imprenditori possono - e sono incoraggiati a - fornire quante più informazioni possibili al momento della registrazione, ad esempio prezzi, grafica, foto, video, ecc. L'iscrizione non è a pagamento; viene quindi fatturato solo il primo contatto con un utilizzatore.

Joe è un artigiano friendly, ha detto Yess! ©getyess.com

Per quanto riguarda la clientela, iscrizione, utilizzo dell'app e messa in relazione con i professionisti sono completamente gratuiti. Una convalida dell'iscrizione è tuttavia necessaria, per evitare abusi e pessimi scherzi.

La fondatrice di Yess punta ad una diffusione virale della sua app, appoggiandosi da una parte ai social network (in particolare Facebook e Instagram) e dall'altra sui commenti - presenti sull'app - delle persone che ricorrono a tale fornitore o professionista.

Comment. L'app Yess non è che a i suoi primi passi, con solamente 80 professionisti recensiti in tutta l'Australia. La FAQ non menziona neanche il numero di iscritti che hanno scaricato l'app o che la hanno già utilizzata. Non sappiamo, quindi, tirare ulteriori conclusioni sul successo di tale iniziativa.

L'idea di una tale applicazione mi piace e non solamente per un luogo lontano come l'Australia. Questo equivarrebbe a creare, sotto forma interattiva, una lista bianca di fornitori e di prestatari di servizi se non militanti, almeno friendly. mi sembra più produttivo implementare il lavoro di un professionista friendly che battersi in tribunale con un professionista omofobo. Perché, in definitiva, la lotta per l'uguaglianza dei diritti si giocherà anche sul terreno dell'economia e del commercio.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg