I sieropositivi che fanno lo screening non trasmetteranno l’HIV/AIDS

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

I sieropositivi che fanno lo screening non trasmetteranno l’HIV/AIDS

(Blogmensgo, blog gay del 4 gennaio 2019) Contrariamente a quello che dicono i pregiudizi, i sieropositivi sotto trattamento non trasmettono l'HIV ai loro partner sessuali, anche in caso di penetrazione anale senza utilizzo del preservativo. Questo è il concetto principale che Aide Suisse contre le sida esprime nel quadro di una campagna lanciata nell'ultimo trimestre del 2018. Al contrario, precisa l'associazione elvetica, «l'HIV è trasmesso da persone che credono di essere sieronegative quando, invece, sono portatrici del virus senza saperlo, per mancanza di screening». Questo equivale a dire che in Svizzera, tra il 15% e il 20% degli uomini che sanno di essere sieropositivi e hanno rapporti sessuali con altri uomini non lo trasmetteranno, perché sono sotto trattamento che rende l'HIV non rilevabile e, quindi, non trasmissibile.

Una campagna comprensibile a tutti, in dieci secondi esatti:

La nuova campagna di Aide Suisse contre le sida mira soprattutto a combattere la sierofobia, questa discriminazione contro le persone sieropositive, smantellandone l'imbecillità del meccanismo. Contrariamente alle campagne precedenti, l'associazione vuole innanzitutto «combattere la sierofobia e le sue conseguenze», il depistaggio dell'HIV è l'elemento secondario - ma necessario! - di una presa di coscienza relativa alla maniera in cui si trasmette l'HIV/AIDS. L'altra originalità di questa campagna, in confronto alle precedenti, è il fatto di indirizzarsi direttamente al grande pubblico e non solamente ai gay e alle persone sieropositive.

In concreto, l'HIV non si trasmette, quando diventa non rilevabile a seguito di un trattamento appropriato. Da qui il teorema della «dichiarazione svizzera» (Swiss Statement) qui sotto:

I = Indétectable = Intransmissible
U = Undetectable = Untransmittable

Questo equivale a dire che per non trasmettere l'HIV, bisogna fare il test di depistaggio almeno una volta o, se necessario, almeno due volte. Il primo depistaggio permette di dire sia che l'HIV è rilevabile e quindi presente, sia che è non rilevabile quindi inesistente o inibito da un trattamento efficace. Il secondo depistaggio permette di confermare l'efficacia del trattamento con antiretrovirali che ha reso non rilevabile la «carica virale».
(In linea di principio, la certezza assoluta di sieropositività o di sieronegatività - e di efficacia del trattamento - si ottiene solo al termine di due test successivi utilizzando, se possibile, due metodi differenti, ma questa è un'altra storia.)

La campagna d’Aide Suisse contre le sida vuole anche porre fine all'ignobile discriminazione che subiscono le persone sieropositive nella loro vita quotidiana o al lavoro quando il loro status sierologico è noto. Tale discriminazione trova sovente la propria origine nell'ignoranza sui dati scientifici e nei preconcetti che ciò genera.

L’Aide Suisse contre le sida raccomanda di utilizzare i preservativi in caso di incertezza.

Nel luglio 2018, la conferenza di Amsterdam ha confermato che l'HIV a carica non rilevabile non si trasmette con un rapporto anale senza preservativo. È quello che l'associazione elvetica ripete dal… 2008, attraverso la sua famosa dichiarazione svizzera. All'epoca, tale dichiarazione aveva suscitato le critiche e la collera di una parte dell'opinione pubblica, ivi compresi alcuni gay. Le prove scientifiche hanno presto confermato le affermazioni di Aide Suisse contre le sida. Le persone hanno, in seguito, compreso che tale dichiarazione non contribuiva a propagare l'HIV/AIDS, ma al contrario, a propagare l'idea di un test di depistaggio al minimo dubbio.

Sì, sei a due dita dal punto di capire. 🙂 ©aids.ch

Come tutti gli anni, il 2019 inizia con una serie di buoni propositi. Se desideri una relazione, insisti perché entrambi i partner facciano prima il test. E se uno dei due dovesse rivelarsi sieropositivo, fai attenzione che segua un trattamento per rendere l'HIV non rilevabile e non trasmissibile anche senza profilattico. È solamente dopo questa doppia misura di profilassi che potrai ricevere i miei migliori auguri per un 2019 pieno di sesso.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg