Enorme Pride a Taiwan a favore del matrimonio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Enorme Pride a Taiwan a favore del matrimonio gay

(Blogmensgo, blog gay del 7 novembre 2018) Circa sei mesi prima della data limite di maggio 2019 fissata il 24 maggio 2017 dalla Corte costituzionale di Taiwan per legalizzare il matrimonio gay, il Taiwan LGBT Pride ha raccolto più di 130.000 persone a Taipei, sabato 27 ottobre 2018. La presidente Tsai Ing-wen, eletta nel 2016, aveva fatto della legalizzazione del matrimonio omosessuale una delle sue promesse elettorali nel 2015 e il parlamento si era interessato alla questione nel 2017, ma sarà per via referendaria che gli elettori si pronunceranno il 24 novembre 2018. In ogni caso, l'affluenza record ha confermato che il pride di Taiwan rimane il più importante dell'Asia - considerando che i prossimi Pride indiani potrebbero attirare ancora più persone, dato che la depenalizzazione dell'omosessualità in India è ormai acquisita.

Un Pride veramente popolare a Taiwan? Eccone la prova attraverso le immagini…

Il referendum del 24 novembre 2018 ha esito incerto, poiché includerà quattro proposte relative ai diritti LGBT, di cui tre riguardanti il matrimonio tra persone dello stesso sesso. In effetti, basta raccogliere 280.000 firme perché qualsiasi proposta sia sottoposta a referendum. Le lobby reazionarie ne hanno fatti inserire due contro il matrimonio gay ed un terzo contro l'uguaglianza tra ragazzi e ragazze a scuola.

La presidente taiwanese non ha mantenuto la sua promessa elettorale sul sul matrimonio gay. Possiamo presumere che lei e il suo governo valuteranno la propria politica LGBT in base ari risultati dello scrutinio: legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso se una forte maggioranza dovesse esprimersi a favore, oppure istaurazione di un semplice PACS in caso di bassa partecipazione o vittoria risicata.

Ma siccome le consultazioni popolari sulle tematiche LGBT corrispondono a quattro separati scrutini (senza contarne una mezza dozzina di altri si argomenti differenti), non è escluso che i risultati di questi referendum si contraddicano. Il risultato di un referendum non può essere considerato valido se almeno il 25% degli elettori non si pronunciano a favore.

Ecco un'anteprima della parata, molto vicino al corteo. Si può constatare che il Pride taiwanese rimane molto tranquillo, nonostante l'immensa folla.

Le associazioni LGBT hanno approfittato del Pride nazionale per festeggiare, ma anche per dare una dimostrazione della propria forza, in modo da mostrare al governo e alla popolazione che la marcia verso il matrimonio tra persone dello stesso sesso è sia desiderabile che inevitabile. Il claim principale del Pride 2018 era tutto un programma: «Racconta la tua storia, vota per l'uguaglianza!»

Una memorabile edizione 2018 a favore della diversità e dell'uguaglianza di diritti. ©twpride.org

Nel maggio 2017, la Corte costituzionale aveva stabilito che l'articolo 942 del codice civile taiwanese era incostituzionale poiché limitava il matrimonio alle sole unioni tra un uomo ed una donna. Il più alto difensore della legge fondamentale aveva, quindi, chiesto al governo di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso entro maggio 2019, altrimenti il matrimonio gay e lesbico sarebbe diventato ipso facto legale da quella data.

La legge taiwanese stabilisce che le decisioni della Corte costituzionbale devono essere applicate e che i referendum hanno un valore vincolante. se il Sì al matrimonio gay dovesse vincere, il governo dovrà sottoporre al Parlamento un progetto di legge.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg