Le stilista Edward Enninful eletto uomo dell’anno 2018 dalla rivista Attitude

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Le stilista Edward Enninful eletto uomo dell’anno 2018 dalla rivista Attitude

(Blogmensgo, blog gay del 24 ottobre 2018) Nel numero di novembre 2018, la rivista gay britannica Attitude assegnba la settima vittoria annuale degli Attitude Awards. And the winner is… lo stilista britannico Edward Enninful, caporedattore dell'edizione britannica di Vogue, eletto «uomo dell'anno 2018». Le premiazioni riguardano 13 categorie e Attitude ha scelto di onorare quattro vincitori, dedicando a ciascuno di essi la copertina di un quarto delle stampe. Sulla mia copia, c'è il pattinatore americano Adam Rippon – medaglia di bronzo a Pyeongchang – che ha ottenuto il premio per lo sport award. L'autrice-compositrice-interprete Jess Glynne, l'autore-compositore-interprete Boy George (riunitosi ai Culture Club) e l'attore George Takei figurano anche loro su una delle quattro copertine di Attitude nell'edizione di novembre.

Sulla mia copia, c'è Adam Rippon in copertina. ©attitude.co.uk

Edward Enninful, man of the year

Sono quasi trenta anni da quando Edward Enninful, 46 anni, esercita il suo talento di stilista in diverse pubblicazioni di moda. In particolare, ha espresso la sua creatività nelle edizioni italiana, americana e britannica di Vogue, dopo una breve carriera come modello.

Nativo del Ghana e figlio di una sarta, Edward Enninful ha sempre militato per la diversità di modelli e modelle, che la loro pelle fosse nera o le loro forme prominenti. Lui stesso ne ha beneficiato, prima come modello e dopo il 2017 come direttore di Vogue UK, di cui è anche il primo caporedattore apertamente gay.

Una vittoria troppo abbondante. ©attitude.co.uk

Una vittoria attesa – e talvolta ridondante

Le premiazioni 2018 di Attitude non si sono preoccupate dell'orientamento sessuale dei vincitori. Che siano gay, lesbiche, trans, queer o eterosessuali, è stata la loro popolarità presso - o il loro impatto positivo su - la comunità LGBT a scegliere le nomination.

Si noterà che il mondo musicale è rappresentato dalla sciocchezza di cinque vincitori, con titoli a volte privi di coerenza. Lascio le categorie in inglese, tanto si capisce anche senza traduzione.

  • Legend: Ricky Martin
  • Music Icons: Boy George & Culture Club
  • Honorary Gays: Little Mix
  • Hero: Courtney Act
  • Music: Jess Glynne

Il resto delle premiazioni è il seguente:

  • Man of the year: Edward Enninful
  • Sport: Adam Rippon
  • Icon: George Takei
  • Culture: Tituss Burgess
  • Comedy: Julian Clary
  • Style: DSquared
  • Inspiration: Judy & Dennis Shepard

In modo molto ironico, la squadra nazionale di calcio russa figura tra le premiazioni di Attitude vincendo «il premio degli alleati (accidentali)» [ou the (accidental) allies award en anglais]. La squadra russa ha finanziato la causa LGBT con 170.000 sterline (194.000 euro), ossia 10.000 sterline per ognuno degli 11 goal segnati, 20.000 sterline per ognuna delle partite vinte e 20.000 sterline per la qualifica agli ottavi di finale.

Un finanziamento indiretto e del tutto involontario, in un Paese dove gay e lesbiche sono considerati come uno scarto dell'umanità e non godono di alcun sostegno. L'idea è stata del bookmaker irlandese Paddy Power, che aveva promesso di versare 10.000 sterline per ogni goal della Russia (più i bonus indicati prima) ad associazioni che si impegnano per rendere il calcio più LGBT-friendly. Ed è così che l'Attitude Magazine Foundation ha ottenuto la sua prima importante sovvenzione.

Da notare anche l'aperto sostegno agli Attitude Awards da parte di due gruppi britannici, Virgin e Jaguar.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg