Verso una federazione europea di rifugi LGBTIQ

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Verso una federazione europea di rifugi LGBTIQ

(Blogmensgo, blog gay del 17 ottobre 2018) I responsabili dei rifugi LGBTIQ francesi, svizzeri, italiani, spagnoli e belgi, si sono incontrati in Francia, ad aprile, poi in Svizzera, ad ottobre. La riunione di Ginevra prefigura la creazione di una federazione europea di rifugi per giovani lesbiche, gay, bisessuali, trans, intersessuali e queer. Parliamo di giovani, poiché la rottura dei legami familiari e la messa alla porta sono spesso conseguenza del coming out e talvolta della rivelazione di una nuova identità di genere.

Se è vero che le legislazioni dell'Europa occidentale si muovono quasi tutte verso migliori riconoscimento e integrazione delle persone LGBTIQ, è anche vero che le abitudini sociali e le credenze religiose sono meno progressiste di quello che si pensi. Da qui le situazioni di urgenza psicologica e sociale che richiedono un alloggiamento d'urgenza e percorsi di ascolto, accompagnamento e anche di mediazione familiare.

Un rifugio LGBTIQ, anche per dialogare. 🙂 ©dialogai.org

Le Refuge ha innanzitutto accolto i suoi colleghi svizzeri e italiani nell'aprile 2018 a Montpellier, dove l'associazione francese è nata nel 2003. Poi, l'associazione svizzera Dialogai, fondatrice nel 2015 del Refuge Genève, ha ricevuto quelli francesi e italiani, ai quali si sono uniti i responsabili dei rifugi belgi e spagnoli. L'incontro di Montpellier prefigura la creazione di una federazione di rifugi LGBTIQ e nell'incontro di Ginevra è stata formalizzata una «carta per la cooperazione europea dei rifugi » firmata il 5 ottobre 2018.

Se le associazioni dei rifugi LGBTIQ sottolineano la necessità di un riconoscimento e di un appoggio alla loro missione da parte dei poteri pubblici, constatano anche che i finanziamenti pubblici rimangono inferiori alle necessità. Al Refuge Genève, il 68% dei finanziamenti sono di origine privata. Le strutture ginevrine avevano già ospitato 40 giovani nel primo semestre del 2018. ossia tanti quanti in tutto l'anno 2017. L'anno scorso, il numero di giovani ospitati in Francia attraverso le 18 delegazioni dipartimentali del Refuge sono aumentati del 22,3%. Si tratta, soprattutto, di uomini (83%) e di persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Citato dalla Tribune de Genève (9 ottobre 2018), Pascal Messerli, presidente di Dialogai Genève, si augura che una federazione europea dia «più visibilità alle nostre azioni» e permetta di «mobilitare fondi europei per progetti comuni».

Quanto alla nuova federazione europea, ne sapremo senza dubbio un po' di più in occasione della prossima riunione internazionale dei rifugi LGBTIQ, programmata per gennaio 2019 in Italia.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg