Francia: il matrimonio gay compie cinque anni – ed è diventato anticonformista

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Francia: il matrimonio gay compie cinque anni – ed è diventato anticonformista

(Blogmensgo, blog gay del 27 aprile 2018) La legalizzazione del matrimonio omosessuale in Francia porta la data del 23 aprile 2013 e il primo matrimonio gay è stato celebrato il 29 maggio 29 maggio 2013, quando Vincent Autin e Bruno Boileau hanno unito i propri destini. Cinque anni più tardi, il matrimonio omosessuale è diventato conforme alle abitudini familiari… e alle statistiche dell'Insee.

Nel 2017, secondo cifre ancora provvisorie, le 7.000 coppie dello stesso sesso che si sono sposate in Francia rappresentano il 3,07% del totale dei matrimoni. Nei cinque anni dalla legalizzazione, 39.753 coppie gay e lesbiche si sono sposate, ossia il 3,38% del totale dei matrimoni.

Cinque anni dopo il 2013, come siamo messi? Il breve reportage qui sotto riassume la situazione.

I matrimoni lesbici rappresentavano il 42% dei matrimoni omosessuali nel 2013 e «la percentuale di matrimoni tra donne non ha smesso di salire dal 2013», sottolinea l'Insee a fine febbraio 2018 senza dichiarare delle percentuali precise per l'anno 2017.

L'età media dei «giovani sposi» omosessuali non corrisponde, nel 2017, a quella dei giovani sposi: 44 anni pei gay e 39,1 anni per le lesbiche, contro, rispettivamente, 38,1 anni e 35,6 anni per gli eterosessuali. L'Insee non spiega il motivo di una differenza di età così netta tra le coppie omosessuali e quelle eterosessuali che si sposano.

Le statistiche dei PACS non sono ancora note per l'anno 2017. Il numero di matrimoni omosessuali è sempre leggermente superiore a quello dei PACS omosessuali e possiamo presumere lo sia stato anche per il 2017. Da notare che nel 2016, le cifre dei matrimoni gay (7.113) era superiore di una sola unità a quella dei PACS gay (7.112). Da notare anche che il numero di PACS omosessuali era fortemente regredito nel 2013 (6.083) e 2014 (6.262) mentre il numero di matrimoni omosessuali aveva raggiunto, nello stesso periodo, rispettivamente 7.367 e 10.522 unità.

Nel 2016 – annata più recente che offre statistiche complete – il 3,71% dei PACS riguardava coppie dello stesso sesso, mentre i matrimoni omosessuali rappresentavano il 3,86% del totale dei matrimoni.

Una percentuale piccola, ma quasi costante, di matrimoni e PACS gay. ©Insee

Bisogna dire che dopo cinque anni, il matrimonio gay ha trovato la sua «velocità di crociera» e che la legalizzazione non ha fermato i PACS gay. Le statistiche dell'Insee attestano che la popolarità del matrimonio gay registrata nel primo anno parziale (7.367 unità da fine maggio a fine dicembre 2013) e del primo anno completo (10.522 unità nel 2014) si è stabilizzata su un livello che sembra duraturo.

Bisogna dedurne che le coppie gay e lesbiche rappresentano il 3-4% del totale delle coppie? Difficile determinarlo senza conoscere le cifre delle coppie che convivono, sia dichiaratamente che di nascosto. Perché, sì, anche nel 2018, talvolta bisogna nascondersi per vivere sereni – vale a dire nascondersi dai vicini, dai colleghi o dai familiari.

Questa ipotesi è in parte confermata dalla geografia dei matrimoni. Parigi concentra la più alta percentuale di matrimoni omosessuali rispetto al totale dei matrimoni (9,7%), decisamente in avanti rispetto al secondo classificato(5,62% nelle Calvados), mentre la percentuale più bassa (0,58%) si incontra a Mayotte, dipartimento a forte dominanza musulmana, ma anche nelle Antille a dominanza cattolica. Anche numerosi dipartimenti rurali mostrano una debole percentuale di matrimoni tra persone dello stesso sesso.

E le cifre dei divorzi tra gay e lesbiche? E le statistiche dell'adozione omogenitoriale? L'Insee si astine, per il momento, da documentare queste due tematiche.

In ogni caso, nessuna personalità politica francese milita più per la soppressione dela matrimonio per le coppie dello stesso sesso. E il 62% dei francesi, oggi, escludono un ritorno indietro.

Ma gli omofobi hanno già trovato la loro nuova battaglia: continuare a vietare l'accesso alle coppie di lesbiche alla procreazione medicalmente assistita (PMA).

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg