Matrimonio gay in Australia: circa 400 matrimoni nel primo mese

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Matrimonio gay in Australia: circa 400 matrimoni nel primo mese

(Blogmensgo, blog gay del 1° marzo 2018) Nel corso del primo mese che ha seguito la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso in Australia, ossia dal 9 gennaio al 7 febbraio 2018, circa 370 coppie gay e lesbiche si sono sposate nell'isola-continente. Le prime cifre ufficiali non tengono conto delle deroghe accordate caso per caso prima dell'approvazione, cosa che lascia presumere un totale molto vicino ai 400 matrimoni omosessuali. Non si tratta che dei matrimoni registrati; le cifre reali sono sicuramente superiori, poiché la legge australiana permette due settimane di tempo agli sposi per far registrare il matrimonio dalla data di celebrazione.

Il 18 maggio 2018, Tamworth sarà la capitale mondiale del matrimonio omosessuale gratuito. 🙂 ©destinationtamworth.com.au

Prime statistiche del matrimonio gay in Australia

Presumiamo che il numero di matrimoni gay e lesbici sia aumentato il giorno di San Valentino (14 febbraio). Da notare che quest'anno, la festa del Mardi Gras cadeva giusto il giorno precedente, ossia il 13 febbraio 2018. Ma in Australia, il mardi gras – che conserva il nome francese – è soprattutto sinonimo del Sydney Gay and Lesbian Mardi Gras, vale a dire tre settimane festose, dal 16 febbraio al 4 marzo 2018, la cui punta di diamante sarà la parata del Mardi Gras, il 3 marzo 2018, che celebrerà quest'anno la sua quarantesima edizione. Non dubitiamo che quel giorno, Sydney registrerà un picco di matrimoni omosessuali durante il percorso o a margine del suo Gay Pride locale – e internazionale.

I 24,60 milioni di australiani sono disseminati nei sei Stati e tre Territori di un Paese grande come un continente. Il numero di matrimoni tra persone dello stesso sesso è proporzionale al numero di abitanti? Esaminiamo innanzitutto la ripartizione demografica (qui manca il Territorio della baia di Jervis).

Popolazione (in milioni di abitanti, stima al 30 giugno 2017)

  1. Nuovo Galles del Sud (7,86)
  2. Victoria (6,32)
  3. Queensland (4,93)
  4. Australia Occidentale (2,58)
  5. Australia Meridionale (1,72)
  6. Tasmania (0,52)
  7. Territorio della capitale (0,41)
  8. Territorio del Nord (0,25)

Numero di matrimoni omosessuali dal 9 gennaio al 7 febbraio 2018 (e percentuale approssimativa in rapporto al numero totale di matrimoni)

  1. Nuovo Galles del Sud: 142 (9%)
  2. Victoria: 88
  3. Queensland: 61
  4. Australia Occidentale: 45 (6,6%)
  5. Australia Meridionale: 25
  6. Tasmania: 10

Come si vede, l'ordine demografico è sicuramente rispettato, ma la proporzione dei matrimoni gay varia fortemente da uno Stato all'altro. La Victoria e il Queensland registrano un numero di matrimoni omosessuali inferiore al loro peso demografico rispettivo. Forse bisognerebbe avere un effetto Sydney, metropoli decisamente friendly che ha fatto di tutto per sedurre i visitatori LGBT – cfr. in particolare i memorabili fuochi d'artificio di Sydney per Capodanno.

Nel Queensland, circa due terzi dei matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati nel corso del primo mese riguardano coppie lesbiche. E a San Valentino, 96 coppie omosessuali si erano già sposate nel Queensland e altre 45 coppie gay o lesbiche avevano già richiesto una licenza di matrimonio per il 2018.

Ricordiamo che il Queensland propone dei certificati di matrimonio da collezione per tutto il 2018, compreso – se non soprattutto – il matrimonio omosessuale.

Alcuni aneddoti sul matrimonio omosessuale in Australia

Per quanto incredibile possa sembrare, il matrimonio tra persone dello stesso sesso è già diventato un luogo comune in Australia. Con tutta la sua banalità e con tutti i suoi eccessi – allo stesso modo del matrimonio eterosessuale.

Venite, venite, è gratis!

Molti comuni hanno offerto una location gratuita in luoghi pubblici – parchi o spazi comuni municipali – alle coppie dello stesso sesso desiderose di sposarsi. Ad esempio, nel Nuovo Galles del Sud, le città di Sydney e Newcastle hanno offerto spazzi per celebrare matrimoni gay e lesbici. Una ventina di coppie omosessuali ne hanno approfittato  nel primo mese, a Sydney, mentre l'offerta di Newcastle ha avuto un po' meno successo.

Anche i fornitori specializzati per matrimoni hanno registrato un picco di richieste, per la prima volta, da parte di coppie dello stesso sesso che li hanno contattati immediatamente dopo il verdetto del referendum postale. Resta da scoprire se il picco di domande è stato effimero o se la marcia del matrimonio gay sarà in grado di ingrossare in modo durevole le statistiche. Ne sapremo sicuramente di più con le cifre sull'intero anno 2018.

Un matrimonio omosessuale a Tamworth il 18 maggio 2018

Nel Nuovo Galles del Sud, almeno cinque professionisti lavoreranno nello stesso giorno (18 maggio 2018), nella stessa città (Tamworth) dello stesso Stato australiano (il Nuovo Galles del Sud), in occasione dello stesso matrimonio omosessuale. Non sappiamo, per il momento, se si tratti di un matrimonio gay o lesbico e quale coppia ne beneficerà.

La parola beneficiare non è inappropriata, perché si tratta di un vero e proprio regalo del valore di 4.000 dollari australiani, ossia 2.544 euro. L'idea è partita dalla fotografa Donna Pollock, che si è «associata» per l'occasione con altre quattro professioniste dei matrimoni: Katie Player, Eliza Fagan, Bec Wherritt e Candice Clifford. Tutte e cinque militano a favore del matrimonio omosessuale – e lo attestano a loro modo.

Ma perché il 18 maggio e non un altro giorno? Perché è il solo giorno dell'anno per il quale le cinque professioniste non avevano ancora preso un impegno. Quel giorno, quindi, forniranno gratuitamente la sala, le decorazioni, i fiori, la cerimonia di matrimonio e le foto alla coppia designata da un sorteggio.

Il sorteggio è stato effettuato il giorno di San Valentino, ma l'identità della coppia vincitrice non è ancora stata svelata.

Il grande gionro sulle montagne russe

La palma per il matrimonio australiano più originale va sicuramente a Logan Stojcevski e John Woods. I due giovani uomini, rispettivamente di 32  e 35 anni, si sono scambiati la promessa sulle… montagne russe californiane. La cerimonia ufficiale si è tenuta nel punto più alto delle montagne russe, nel parco giochi di Six Flags Magic Mountain, a Santa Clarita, in California.

I due giovani uomini, originari di Wollongong, nel Nuovo Galles del Sud, nono sono riusciti a convincere a partecipare alla cerimonia che l'officiante – piazzato proprio dietro a loro – e i due testimoni di matrimonio. Presumiamo che tutti i partecipanti abbiano ricevuto, prima di salire a bordo, un sacchetto di carta per i resti della colazione. Perché, follia suprema, il matrimonio russo-californiano era programmato per le 10.20 del mattino.

Come è stato? Come mostra il video qui sotto:

Eh sì! Non è stato facile fotografare tale cerimonia. Fortunatamente, i droni non soffrono di vertigini.

Matrimonio gay in cima al Sydney Harbour Bridge

(Update del 6 marzo 2018) Warren Orlandi e Pauly Phillips si sono sposati, il 1° marzo 2018, alla presenza di familiari e amici, sul Sydney Harbour Bridge (ponte della baia di Sydney). Non all'altezza della campata principale a 49 metri s.l.m., ma in cima al ponte ad arco, a 134 metri al di sopra dei flutti.

Non si è trattato solo di salutare la 40a edizione del Sydney Gay and Lesbian Mardi Gras, che si è tenuta due giorni dopo. Il luogo così inusuale, ha voluto sfidare la legge di gravità. I due uomini si sono conosciuti in occasione di un seminario dedicato alle persone obese. Nel 2013, quando pesava 370 kg, Warren Orlandi ha promesso a sé stesso di salire in cima al ponte dalla struttura ad arco. Aveva bisogno di questo per motivarsi a dimagrire. Anche se è ancora sovrappeso, così come anche il suo sposo deve perdere qualche chilo, oggi Warren pesa 250 kg in meno rispetto a cinque anni fa.

BridgeClimb Sydney, specializzata in «viaggi organizzati» in cima alla struttura metallica sopra la baia di Sydney, afferma che il luogo ha già ospitato 4.000 richieste di matrimonio e che il primo matrimonio è stato celebrato qui il 3 giugno 2008. Ma con quello di Warren Orlandi e Pauly Phillips, si tratta del primo matrimonio gay in cima al ponte.

I due uomini, il celebrante e i testimoni, per l'occasione, avevano tutti l'attrezzatura regolamentare per questo tipo di escursione, Quindi non un completo a tre pezzi, ma una tuta da cantiere e un'imbracatura di sicurezza. Bisogna anche dire che c'era un ospite particolare che si è auto-invitato: il vento.

Com'è stato, lassù? Così…

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg