Da Charice Pempengco a Jake Zyrus, una transizione movimentata

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Da Charice Pempengco a Jake Zyrus, una transizione movimentata

(Blogmensgo, blog gay del 22 settembre 2017) Lei si chiamava Charice Pempengco, era divenuta una star a livello mondiale grazie al suo talento come cantante e soprattutto come attrice interpretando Sunshine Corazon nella serie televisiva americana Glee. Lui si chiama Jake Zyrus, canta e non recita in Glee. Charice e Jake non hanno molte cose in comune, a parte il fatto che si tratta della stessa persona. Una persona transgender il cui percorso di transizione avrà avuto diverse turbolenze.

Inutile chiedermi un'esegesi di Glee o un'analisi delle capacità vocali di Charice. Non rientra tra le mie competenze, né tra i mie interessi e nemmeno tra le tematiche di questo blog incentrato sull'omosessualità e sulle persone LGBT.

Cominciamo comunque dalla musica. O, piuttosto, dal video qui sotto. Si chiama Louder ed è urlato da Charice tipo una famosa cantante canadese (o quasi).

La stessa Charice è capace di produrre (testo, musica e voce) cose molto più godibili, vale a dire molto più rock. Come il brano qui sotto, intitolato Killing Myself to Sleep.
Avrete notato le considerevoli modifiche nella voce e nell'aspetto fisico di Charice. Logico, poiché questo pezzo è del dicembre 2016 e Charice si chiamava già Jake, che sussurra la canzone come un famoso cantante canadese (o quasi).

Per finire in modo più leggero giochiamo adesso al gioco delle sette piccole differenze. Qualcuno si è divertito a comparare Charice e Jake che interpretano la stessa canzone. il risultato è, come dire, sorprendente.

Lei è nata nel 1992 e oggi ha 25 anni. Tra le i e lui, cosa è successo? Alcuni errori, alcuni imbarazzi, ma anche una determinazione non comune  e una transizione (quasi) riuscita.

Charice è nata nelle Filippine e anche Jake è filippino. In questo arcipelago la religione cattolica invade il pensiero e porta all'intolleranza.

Jake dice che dall'età di 5 anni, Charice si è sempre considerata di sesso maschile. Ma come fare , nelle Filippine, dove ogni tradimento alle apparenze viene considerato un sacrilegio? Come spiegare questa eterna apparenza di ragazzo mancato in Charice?

Charice sapeva di esser un uomo. Tra i due mali, ha scelto quello meno nocivo: si è allora costruita una vita lesbica (che ha ufficializzato in un'intervista su un canale televisivo filippino), pensando che la sua presunta omosessualità sarebbe stata accettata meglio che essere una persona transgender nelle Filippine.

Poi Charice ha deciso di smetterla con le bugie e con il suo aspetto femminile, anche questo una bugia. Ha iniziato un lungo percorso di transizione con trattamento ormonale e doppia mastectomia (asportazione dei seni), e Jake sognava già un'operazione chirurgica di riassegnazione di genere.

Nell'ottobre 2014, nella trasmissione di Oprah Winfrey, Charice ha rivelato la propria transidentità:

Poco dopo che Jake ha rivelato di non essere più Charice (anche se il suo canale YouTube resta per il momento a nome di Charice), si è detto doppiamente sollevato: Sollevato per la rivelazione e sollevato per aver incontrato poche critiche nelle Filippine e molto più sostegno di quello che immaginasse.
(Da qui i suoi rimpianti, ma se i rimpianti ci fossero prima dell'errore, non commetteremmo mai errori. NO sarebbe quindi logico, perché non si potrebbe rimpiangere un errore che non si commetterebbe…)

Jake ha comunque dovuto affrontare critiche estremamente violente. la prima critica è arrivata dalla versione filippina di Esquire, attraverso un articolo online che insultava le persone transgender, che la rivista ha poi ritirato presentando le proprie scuse (scuse che Jake ha accettato).

L'altra fonte di critiche, Jake l'ha conosciuta nella propria famiglia. Una delle sue nonne l'ha pubblicamente disconosciuta e Jake ha rapporti più o meno freddi col resto della propria famiglia, che non gli perdona di essere sé stesso e di comportarsi come tale. Ma Jake nutre la speranza di riallacciare i legami familiari – prima o poi.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg