Mister Gay Europe 2017, presto la finale!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Mister Gay Europe 2017, presto la finale!

(Blogmensgo, blog gay del 18 luglio 2017) Il belga Raf Van Puymbroeck, eletto Mister Gay Europe 2016, consegnerà la corona del più bel ragazzo gay d'Europa al suo successore, che sarà eletto il 6 agosto 2017, a Stoccolma, al termine di una settimana di selezioni decisamente festose. Per l'11a edizione , l'evento si terrà a margine dello Stockholm Pride, la cui parata principale si svolgerà il 5 agosto. Le candidature ufficiali sono state chiuse il 16 luglio. Grande novità, il il voto online è iniziato il 17 luglio 2017 e non conterà nulla.

Il nome di Mister Gay Europe 2017 sarà reso noto sabato 5 agosto 2017 alle ore 17.00, giusto dopo la parata dello Stockholm Pride e al termine di 6 giorni di riunioni e di sfide tra sorrisi e divertimento.

Dieci anni di Mister Gay Europe

E' la storia di un concorso non come gli altri. Il suo creatore, Morten Rudå, racconta qui sotto il percorso – talvolta sinuoso – di Mister Gay Europe rispondendo alle domande di Peter Darrant.

Le novità dell'edizione 2017

Voti online

Facile da ricordare: 17.7.17. E' da questo giorno – e fino al 4 agosto 2017 – che si può votare online per i propri concorrenti preferiti. La nota finale terrà conto di questi voti per il 20%, contro il 5% delle edizioni precedenti.

Solamente il colloquio individuale con la giuria conterà un equivalente 20%. La terza sezione ad alto coefficiente (15% del totale) arriverà da una «interrogazione scritta» di 60 domande in 60 minuti centrate sulle tematiche LGBTQI e sulla cultura generale dei concorrenti.

Un progetto LGBTQI paneuropeo

Un'altra novità dell'edizione 2017 conterà per un 10% del voto finale di ogni candidato. Si tratta di una sfida chiamata My Project che consiste nel programmare per il 2018 e da difendere davanti alla giuria 2017 una campagna LGBTQI su scala europea.

Una «prova» che i candidati faranno bene a preparare ben prima del loro soggiorno a Stoccolma. Non si stratta di essere belli, ma si tratta di saper pensare – e di essere capaci di esprimere il proprio pensiero in inglese. I palestrati che limitano il proprio orizzonte solo alla palestra sono avvisati. E coloro che non padroneggiano bene l'uso dei verbi irregolari inglesi saranno crocifissi dalle risate dei giurati.

Più neuroni, meno testosterone

Quest'anno, in concorrenti in gara non avranno più bisogno di mostrare ogni muscolo guizzante in costume da bagno. In compenso, subiranno un'interrogazione orale sulle tematiche LGBTQI o sulla gay attitude a Stoccolma.

Se la conoscenza, l'intelligenza e le attitudini sociali prenderanno il posto dei criteri strettamente estetici, è perché ogni concorrente dovrà partecipare in loco a sei «seminari MGE» – aperti al pubblico – su argomenti diversi come la prevenzione del suicidio tra gli adolescenti gay e la vita quotidiana delle persone sieropositive.

Tutti allo Stockholm Pride!

Contrariamente al programma degli anni precedenti, l'elezione del vincitore non sarà al termine di una serata speciale, ma alla fine della grande parata dello Stockholm Pride.

Quanti concorrenti?

Al 12 di luglio, solamente nove concorrenti avevano già confermato la propria partecipazione. In ordine alfabetico di provenienza: Belgio, Bulgaria, Galles, Inghilterra, Irlanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Scozia.

Aspettando la chiusuira delle iscrizioni

Gli organizzatori attendono di sapere chi sarà eletto Mister Gay in Paesi latini come la Spagna, la Francia o l'Italia, ma anche nella maggior parte dei Paesi scandinavi.

I concorsi nazionali hanno spesso luogo a giugno e luglio, possiamo quindi prevedere che la lista dei concorrenti alla corona europea si arricchirà di una buona mezza dozzina di teste in più – tutte belle e intelligenti.

Logicamente, le iscrizioni devono essere state chiuse la sera del 16 luglio, poiché i voti online sono iniziati dal 17 luglio.

Tutti i favoriti…

Difficile fare un pronostico vedendo la piccola immagine che accompagna ogni candidato, tanto più che la qualità delle foto è variabile. Bisogna cliccare su ogni profilo per (pre)vedere un po' di più.

Ogni pronostico, inoltre, è falsato, poiché la lista dei concorrenti non era completa nel momento in cui ho scritto l'articolo. Valutando solo le prime immagini, piazzerei la Scozia e la Slovacchia decisamente avanti agli altri.

Le foto che completano il concorrente slovacco dalle tempie brizzolate, Jaromir Šufr, 41 anni, confermano la mia prima impressione. Appena più giovane (39 anni), il concorrente scozzese, Steven Whyte, seducente grazie alla potenza del suo sguardo. In compenso, lo slovacco paga il pegno di una padronanza piuttosto approssimativa della lingua inglese che rischia di penalizzarlo durante le prove che portano un voto maggiore.

… soprattutto gli spagnoli!

In 10 edizioni, un solo Paese ha conquistato la vittoria più di una volta: la Spagna, con non meno di tre vincitori (Antonio Almijez nel 2008, Sergio Lara nel 2009 et Miguel Ortiz nel 2012), ossia il 30% di vittorie.

Solo per questa ragione, farei volentieri del concorrente spagnolo il mio favorito per l'elezione di Mister Gay Europe 2017. Salvo che il nome del candidato spagnolo non è ancora noto.

E siccome mi sono sempre sbagliato nei miei pronostici per le precedenti edizioni, preferisco non farne questa volta.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg