Gay Pride: aspettando il 22 luglio 2017, Berlino si mette in moto

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Gay Pride: aspettando il 22 luglio 2017, Berlino si mette in moto

(Blogmensgo, blog gay dell'8 giugno 2017) Sarà sabato 22 luglio 2017 che il Gay Pride di Berlino (Berliner CSD) porterà all'eboliizione festosa la capitale tedesca. Gli organizzatori hanno già preso l'iniziativa, attraverso una cooperazione inter-CSD inedita che si è trasformata in un CD con 40 titoli ed alcune anteprime.

Come nella Svizzera tedesca, il Gay Pride berlinese deve il proprio nome (Christopher Street Day, o CSD) ai moti del 1969 contro la repressione omofoba dell apolizia, che ebbero luogo allo Stonewall Inn di Christopher Street, a Manhattan.

Qui sotto, il percorso della doppia parata berlinese, dall'avenue Kurfürstendamm fino alla Porta di Brandeburgo.

Contrariamente alla maggior parte dei Gay Pride, quello di Berlino propone una sfilata che si suddivide in due marce consecutive, la prima riservata alle istituzioni LGBT senza veicoli né musica, la seconda che raggruppa i veicoli del corteo ufficiale – dai piccoli cabriolet fino ai carri giganti – e suoni di almeno 400 watt. Le associazioni che vogliono sfilare possono ancora prenotare un veicolo entro il 3 luglio 2017.

Ma già da adesso, gli organizzatori vogliono imprimere un tono – prevalentemente festoso – alla prossima sfilata, attraverso una doppia iniziativa. La prima ha designato il brano «Beautiful Ones», degli Hurts, come inno ufficiale 2017 di tutte le CSD tedesche, partendo da quella di Berlino. La seconda iniziativa consiste nel pubblicare una compilation in cui il brano del duo di Manchester è in cima alla lista.

L’album House of Pride, compilation prodotta in collaborazione con la Sony Music Entertainment, è in vendita per finanziare almeno cinque Gay Prides tedeschi: quelli di Berlino, Colonia, Amburgo, Monaco e Stuttgart. Si tratta dell'albumo ufficiale delle CSD 2017, almeno in Germania. Prima, ogni Gay Pride tedesco sceglieva il proprio inno, senza alcun accordo con gli altri.

Qui sotto, il video ufficiale di «Beautiful Ones» degli Hurts.

Disponibile a partire dal 23 giugno 2017 online (Sony Music) o in CD, House of Pride raggruppa 42 titoli in voga presso la comunità LGBT, la cui natura è piuttosto festosa, ritmata ed estiva, con sonorità a predominanza pop e dance.

Naturalmente è presente la canzone degli Hurts poiché si tratta dell'inno ufficiale. E tra i nomi più noti figurano gruppi o artisti come Lady Gaga, Sia (il cui video omaggio alle vittime di Orlando è fisso nella mia memoria), Coldplay, Nicky Minaj, Maître Gims, Gossip, Jennifer Lopez, Sean Paul, Miley Cyrus, Britney Spears, Ariana Grande, ma anche Conchita Würst e Mika.

La presenza degli Hurts in questa compilation si spiega ancora meno dato che la canzone che interpretano è di una noia terribile – ma questo non è che il mio parere. 😛

Per ogni album venduto in versione fisica o digitale, 1€ sarà girato ad un collettivo LGBTQI tedesco.

Da ricordare anche che gli organizzatori del Pride berlinese cercano dei volontari.

Per finire, ecco una vista aerea – e molto parziale! – della parata berlinese nel 2016.

Tantissimi nel 2016 e saranno ancora di più nel 2017… ©csd-berlin.de / Heinrich V. Schimmer

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg