Negli Stati Uniti, 134 000 tentativi di suicidio in meno grazie all’istituzione del matrimonio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Negli Stati Uniti, 134 000 tentativi di suicidio in meno grazie all’istituzione del matrimonio gay

(Blogmensgo, blog gay del 3 marzo 2017) Negli Stati Uniti, negli Stati dove il matrimonio gay è stato legalizzato tra il 2009 e il gennaio 2015, molti meno adolescenti – in particolare adolescenti LGBT – hanno tentato il suicidio rispetto agli altri Stati. Uno studio pubblicato da alcuni ricercatori dell'università Johns Hopkins ha registrato 134.000 tentativi di suicidio in meno, ogni anno, negli Stati dove le coppie dello stesso sesso potevano sposarsi, in confronto agli Stati dove è vietato il matrimonio omosessuale. Ricordiamo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha legalizzato il matrimonio gay il 26 giugno 2015.

Il team della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ha esaminato gli studenti dei college e dei licei. In altre parole, su una popolazione che non è in età da matrimonio e non è, quindi, interessata in maniera diretta dalla legalità o dal divieto del matrimonio gay.

Ma una popolazione molto incline ai tentativi di suicidio: il 29% degli adolescenti LGBT hanno tentato il suicidio, contro il 6% degli adolescenti eterosessuali. Bisogna anche precisare che si tratta di tentativi dichiarati; la proporzione reale dei tentativi di suicidio è sicuramente superiore alle cifre indicate.

Conclusioni: il matrimonio gay fa bene alla salute… di tutti, compresi gli adolescenti.

I ricercatori hanno compilato i dati relativi a 32 dei 35 Stati che hanno legiferato sul matrimonio gay tra l'inizio del 1999 e la fine del 2015. Hanno poi effettuato due comparazioni, da una parte in ogni Stato prima e dopo la legalizzazione, dall'altra parte – in periodi compatibili – tra gli Stati che autorizzano e quelli che vietano il matrimonio gay e lesbico.

Negli Stati che non hanno legalizzato il matrimonio gay, le ragioni dei tentativi di suicidio non sono variate. Negli Stati che hanno legalizzato il matrimonio omosessuale, e per almeno due anni dopo tale legalizzazione, la curva dei tentativi di suicidio tra gli adolescenti di college e licei si è decisamente abbassata:

  • il 7% di tentativi di suicidio in meno tra gli adolescenti in generale.
  • il 14% in meno tra gli adolescenti LGBT.

In ogni Stato, almeno indirettamente, la legalizzazione del matrimonio gay ha contribuito a ridurre la proporzione dei tentativi di suicidio grazie ai seguenti probabili effetti:

  • Minore stigmatizzazione sociale legata all'orientamento sessuale.
  • Minore sentimento di ingiustizia legata al divieto del matrimonio gay.
  • Maggiore sentimento di appartenenza alla società.
  • Migliori prospettive per il futuro personale e sentimentale.

Commento. I ricercatori della Johns Hopkins non sono in grado di provare il legame diretto tra la legalizzazione del matrimonio gay e la minore proporzione di tentativi di suicidio, anche se la concomitanza non può essere casuale. Ma i dati sono sufficientemente concordanti per lasciare poco spazio al dubbio.

Il miglioramento delle cifre in conseguenza all'istituzione del matrimonio gay e lesbico dovrebbe non farci dimenticare mai che il suicidio, tra gli adolescenti LGBT, rimane la seconda causa di mortalità dopo gli incidenti accidentali, quindi la prima causa di morte non accidentale.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg