Un Pride 2016 come nessun altro a Friburgo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Un Pride 2016 come nessun altro a Friburgo

(Blogmensgo, blog gay del 5 luglio 2016) L'edizione 2016 del Pride romancio ha posto la città di Friburgo in un'agitazione fuori dall'ordinario. La città svizzera si è adornata dei colori dell'arcobaleno e la parata del 25 giugno è stata festosa e colorata, ma particolari le hanno conferito una dimensione speciale.

Circa 5.000 persone hanno preso parte al corteo davanti a circa 2.500 spettatori. Cifre basse rispetto alle edizioni precedenti, a causa dei capricci del clima – un forte acquazzone, poco prima della parata, ha spinto i meno temerari a rimanere al'asciutto.

Uno dei manifesti del Pride 2016 a Friburgo. ©Fribourgpride.ch.

Uno dei manifesti del Pride 2016 a Friburgo. ©Fribourgpride.ch.

«Viva le differenze», tale era lo slogan dell'edizione 2016. La parata si è conformata in una maniera inattesa.

Il corteo ha visto, naturalmente, numerosi habitués, a cominciare da numerose delegazioni aziendali o partiti politici (Gioventù socialista, La Poste, ecc.), personaggi appariscenti (ad esempio le drag queen e le Sorelle della perpetua indulgenza) e rappresentanti di associazioni attiviste o sportive.

Più originali, alcune persone in maschera urlavano Woof Woof (i feticisti) mentre altri gay facevano Vroom Vroom (sulle loro Harley Davidson). Una setta fondamentalista aveva annunciato l'intenzione di organizzare una contromanifestazione ai lati della parata. Gli ultracattolici hanno deciso di non unirsi alla festa, poiché i partecipanti avrebbero potuto scambiarli per simpatizzanti della causa LGBT.

La delegazione più inaspettata era composta da quattro persone, tutti membri dell'associazione Alliage (articolo). Un'associazione LGBT, certo, ma i cui membri risiedono a Eben-Hézer, un istituto per persone con disabilità. Persone la cui omosessualità è talvolta ancora più stigmatizzata in quanto anche portatori di handicap.

Il Pride 2016 di Friburgo, qualche settimana dopo la tragedia, ha reso omaggio alle vittime della strage di Orlando (nostro articolo). Una cerimonia speciale è stata fatta per Barbara Poma, proprietaria del Pulse e attivista LGBTQ.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg