Il Kuwait non rifiuta i gay nel sistema educativo, ma…

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Il Kuwait non rifiuta i gay nel sistema educativo, ma…

(Blogmensgo, blog gay dell'11 febbraio 2016) Il ministro kuwaitiano per l'Istruzione e l'Insegnamento superiore, Bader Al-Essa, afferma che studenti ed insegnanti omosessuali non saranno sollevati dalle loro funzioni o espulsi. In caso contrario, «saranno reintegrati in virtù della legge». Ma la legge del Kuwait vieta di fatto l'omosessualità.

Bader Al-Essa, che dirige tali ministeri, ammette che esiste qualche caso isolato nell'ambito scolastico, compresi alcuni «impiegati delle scuole pubbliche».

Bader Al-Essa. Il ministro kuwaitiano per l'Istruzione pretende che i gay siano i benvenuti e che siano trattati secondo la legge (omofoba).

Bader Al-Essa. Il ministro kuwaitiano per l'Istruzione pretende che i gay siano i benvenuti e che siano trattati secondo la legge (omofoba).

Il ministro afferma che «tali questioni vengono trattate nelle scuole con la massima discrezione» e che tali servizi «forniscono un aiuto sociale e psicologico» adatto. E' lo stesso ministro Al-Essa a suggerire la votazione di una legge che protegga maggiormente le persone LGBT nell'ambito scolastico.

Di quali questioni si tratta precisamente? Quante persone sono implicate? Per quanti licenziamenti ed espulsioni? Il ministro non fornisce alcun dettaglio ne suggerisce fonti. Si limita a spiegare che il suo Paese si vede più tollerante e che le scuole kuwaitiane cercheranno di attrarre studenti senza preoccuparsi del loro orientamento sessuale. Nessuno sarà sollevato a causa della propria omosessualità nel corso del proprio mandato.

La legge del Kuwait vieta la «dissolutezza» e gli «atti contro natura». Quindi le relazioni omosessuali, punite con il carcere fino a dieci anni se coinvolgono una persona di meno di 21 anni.

Ogni imitazione o simulazione di un'identità sessuale opposta può significare fino ad un anno di carcere. Così, nell'ottobre 2014, la polizia kuwaitiana ha arrestato 23 persone che partecipavano ad una festa in costume privata.

Commento. La tolleranza del Kuwait nei confronti di gay, lesbiche, bisessuali e trans è tale che nessuna associazione LGBT è, al momento, ufficialmente accettata.

Quanto alle dichiarazioni per lo meno ambigue del ministro per l'Istruzione, queste danno un motivo supplementare alle persone LGBT per non andare a studiare né a insegnare in Kuwait.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg