Statistiche americane sul matrimonio gay a volte sorprendenti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Statistiche americane sul matrimonio gay a volte sorprendenti

(Blogmensgo, blog gay del 9 dicembre 2015) Il rurale North Dakota e la religiosa Virginia disegnano statistiche dissimili, quando non divergenti, nei confronti del matrimonio gay e lesbico. La Virginia sembra quasi un «allievo modello», mentre il North Dakota rimane fortemente omofobo. Vediamo qualche cifra.

Il matrimonio tra coppie dello stesso sesso è legale dal 6 ottobre 2014 in Virginia e dal 26 giugno 2015 nel North Dakota. Le statistiche riferite ai due Stati non riguardano, quindi, lo stesso periodo.

 

Freddo nel North Dakota

Si contano 53 contee nel North Dakota, di cui solamente un terzo (18 contee) hanno già avuto l'occasione di celebrare un matrimonio gay o lesbico. Mentre lo Stato registra circa 4.500 matrimoni ogni anno, il periodo tra il 26 giugno ed il 28 novembre 2015 non ha dato luogo che a 60 matrimoni tra persone dello stesso sesso.

North Dakota: in bianco, nessun matrimonio LGBT. ©The Bismarck Tribune.

North Dakota: in bianco, nessun matrimonio LGBT. ©The Bismarck Tribune.

Tre ragioni principali spiegano il debole successo del matrimonio gay nel North Dakota:

  • Il fatto che alcune coppie di questo Stato sono già sposate in altre Stati vicini. Ad esempio nel Minnesota, dove il matrimonio gay è entrato in vigore il 1o agosto 2013.
  • La paura del "cosa diranno" in questo Stato dalle mentalità rurali molto conservatrici e fortemente religiose.
  • Ma anche e soprattutto, l'assenza di leggi e regolamenti che colpiscano la discriminazione omofoba. In sei anni, tre testi di legge che miravano a proteggere le persone LGBT contro le discriminazioni sono state respinte dai parlamentari. Adesso, sposarsi significa anche divulgare il proprio orientamento sessuale – quindi correre il rischio di ritrovarsi sulla strada, senza lavoro o senza scuola per i figli, dal giorno in cui il matrimonio viene reso pubblico.

La Virginia si entusiasma per il matrimonio gay

Dall'ottobre 2014, in Virginia, 3 600 coppie gay e lesbiche si sono sposate. Ma la distribuzione geografica dei matrimoni presenta forti disparità.

Nel nord della Virginia, solamente il 4% dei matrimoni celebrati a partire da ottobre 2014 riguardano coppie dello stesso sesso, anche se questa parte dello Stato viene reputata meno intollerante o più friendly. Il motivo di questa bassa percentuale dipende dalla prossimità con il Maryland e con la capitale Washington, dove gli omosessuali possono sposarsi rispettivamente dal 2013 e 2010.

In alcune delle città principali, ad esempio Richmond, Norfolk e Charlottesville, il 9 % dei matrimoni riguardano coppie omosessuali. La vittoria spetta alla città di Roanoke, dove nei nove mesi che ne hanno seguito la legalizzazione, i matrimoni gay e lesbici totalizzano un matrimonio su nove. Ossia più dell'11% del totale dei matrimoni.

Qualche sacca di resistenza sussiste e esprime ancora qua e là. Ma  a Roanoke, dove non ci sono più o meno gay che altrove, la popolazione LGBT sembra voler ancora di più tirare una riga su decenni di silenzio e di repressione imposta. La città di Roanoke era conosciuta, d'altronde, nel periodo del proibizionismo, per la suya attività gay e lesbica sotterranea.

Qualche settimana fa si è tenuto, a Roanoke, il primo salone OneLove del matrimonio. La «fiera della Virginia dei fornitori del matrimonio a favore dell'uguaglianza». Con uno spazio di visibilità offerto a Human Rights Campaign, come testimoniato qui sotto.

Sì, un vero matrimonio d'amore :) ©OneLove Oanoke.

Sì, un vero matrimonio d'amore 🙂 ©OneLove Oanoke.

Contrariamente alle apparenze, il salone OneLove ha uno sponsor decisamente friendly. Ne avevamo abbastanza delle sparate omofobe di altri sponsor.

Molti pastori accettano di sposare coppie gay o lesbiche in Virginia. A cominciare dal pastore Joe Cobb, che ha lasciato la Chiesa metodista per fare il proprio coming out. Ha già benedetto 50 coppie dello stesso sesso, arrivando anche a quattro coppie al giorno.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg