Braccio di ferro giudiziario sul matrimonio gay in Irlanda del Nord

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Braccio di ferro giudiziario sul matrimonio gay in Irlanda del Nord

(Blogmensgo, blog gay del 12 novembre 2015) Dopo essersi sposati lo scorso anno in Inghilterra, due gay che attualmente risiedono in Irlanda del Nord hanno intentato un'azione legale per danno. La loro denuncia, depositata il 9 novembre 2015, considera il non riconoscimento del matrimonio omosessuale da parte dell'amministrazione nord-irlandese equivale ad una destituzione del valore del loro matrimonio. L'Irlanda del Nord rimane l'unico posto del Regno Unito a non aver legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Speriamo che la bilancia penda dal lato giusto…

Speriamo che la bilancia penda dal lato giusto…

Inizio della battaglia legale

I due uomini desiderano mantenere l'anonimato e comunicano attraverso il loro avvocato, Karen Quinlivan. La coppia si rifiuta di essere considerata da una parte della frontiera come due uomini sposati e dall'altra parte come due single.

La denuncia è stata presentata alla sezione del Tribunale di Famiglia dell'alta corte di giustizia – l’equivalente di una Corte suprema – a Belfast. Le argomentazioni giuridiche a sostegno della denuncia sono molteplici.

La prima argomentazione giuridica è che la coppia di gay subisce un trattamento discriminatorio basato sull'orientamento sessuale.

La seconda delle argomentazioni afferma che tale trattamento discriminatorio ha «svalorizzato, sminuito e minimizzato» il loro matrimonio e le questioni correlate a tale matrimonio. In più, il non riconoscimento del loro status di coppia sposata crea un inaccettabile elemento di incertezza e perplessità, tanto per loro stessi quanto per le persone con cui si devono rapportare. Tutto ciò è ancora meno accettabile in quanto tale svalorizzazione del matrimonio avviene senza il consenso dei coniugi.

Infine, il fatto di non essere riconosciuti come coppia sposata vieta loro la procedura di adozione alla quale avevano intenzione di ricorrere.

Agenda legale incerta, ma responsabile

Per questi motivi, il querelante e suo marito sollecitano il riconoscimento della loro unione come un matrimonio a tutti gli effetti. Contestano anche la legge nord-irlandese del 2013 sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, che non riconosce a tali unioni che lo status dei PACS (civil partnership). Il che equivarrebbe di conseguenza a legalizzare il matrimonio gay in Irlanda del Nord.

La procedura giudiziaria potrebbe richiedere molto tempo. Il tribunale si pronuncerà al termine di due giorni di udienze. Ma la sentenza di prima istanza è suscettibile di appello. In ogni caso, si tratta della prima procedura di questo tipo in Irlanda del Nord.

I tribunali dovranno affrontare, il 3 e 4 dicembre 2015, un'altra procedura simile, ma che questa volta riguarda le prime coppie a essere state unite in PACS in Irlanda del Nord.

Quando il parlamento si mescola aggroviglia

Il 2 novembre 2015, l’Assemblea legislativa dell'Irlanda del Nord ha respinto una mozione che mirava a legalizzare il matrimonio gay, per il solo motivo che il Partito unionista democratico (DUP) aveva posto il proprio veto. Principale formazione politica del Nord Irlanda, il DUP rappresenta la comunità protestante.

The Rainbow Project, organizzazione LGBT che sostiene anche l'iniziativa legale contro la discriminazione dei due sposi, ha tuttavia accolto con favore questo «voto storico a favore dell'uguaglianza del matrimonio civile».

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg