Yagg cerca sostenitori per sopravvivere

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Yagg cerca sostenitori per sopravvivere

(Blogmensgo, blog gay del 10 novembre 2015) Con una lettera del 7 settembre indirizzata ai propri lettori, Yagg lancia di nuovo un appello per un aiuto finanziario. E' in gioco la sopravvivenza, spiega il portale e magazine LGBT francese.

Yagg milita per la la PMA e cerca 3.000 abonati (screenshot)

Yagg milita per la la PMA e cerca 3.000 abonati (screenshot)

Yagg ha negoziato, questa estate, un nuovo apporto monetario con un investitore la cui identità non è stata resa pubblica. Il fallimento delle negoziazioni ha come doppia conseguenza di frenare un eventuale ingrandimento di Yagg ed anche di comprometterne la sopravvivenza.

«Yagg corre il rischio di doversi fermare, a causa della mancanza di mezzi sufficienti a pagare le spese e gli stipendi. […] Il rischio di chiusura è imminente.»
Il team di Yagg

Da qui un appello per delle donazioni e per degli abbonamenti per poter «superare questo momento difficile».

La lettera non rivela l'obiettivo economico di questa richiesta, ma il sito della rivista fa un cenno decisamente chiaro a 3.000 abbonamenti. Ossia la stessa cifra di cui si era parlato questa estate (cfr. il nostro articolo del 30 luglio 2015).

Per la sopravvivenza, un solo obiettivo: 100% (screenshot).

Per la sopravvivenza, un solo obiettivo: 100% (screenshot).

Yagg aveva raggiunto il 46% del proprio obiettivo a fine luglio 2015. Oggi, 10 novembre 2015, l'obiettivo è stato raggiunto al 61%. Le persone possono sottoscrivere un abbonamento mensile, annuale o biennale. Con tariffe che si riducono e regali per gli abbonati e deduzioni fiscali parziali per le donazioni.

L’appello ad abbonarsi e a donare è accompagnato da un'informativa di trasparenza sugli stipendi e le spese. Apprendiamo che per Yagg, le spese cumulative (affitto, informatiche, commerciali e amministrative) si attestano sui 4.400 € mensili, mentre le cinque persone impiegate  a tempo pieno «percepiscono salari compresi tra l'1,2 e l'1,4 del salario minimo».

L’appello ad aiutare Yagg non precisa né la data entro la quale l'obiettivo di 3.000 abbonamenti debba essere raggiunto, né per quanto tempo gli permetterebbe di sopravvivere, né a quale tasso di riconferme di abbonamento bisognerà arrivare per continuare l'avventura.

Porgiamo a Yagg in nostri migliori auguri.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg