Bruxelles arcobaleno per salutare il Belgian Pride

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Bruxelles arcobaleno per salutare il Belgian Pride

(Blogmensgo, blog gay del 12 maggio 2015) Come lo scorso anno, il 20o Belgian Pride – chiamato Pride.be – metterà in fermento Bruxelles e promette di battere tutti i record di affluenza, in occasione della parata, il 16 maggio 2015. Le strade della capitale sono già decorate in modalità friendly.

Qui sotto, il – troppo breve – spot ufficiale del Pride.be 2015:

Sfilare la sera stessa del 17 maggio, Giornata internazionale della lotta contro l'omofobia? A maggior ragione, dato che il Belgian Pride mette la lotta contro l'omofobia in cima alla lista delle proprie preoccupazioni, dei propri slogan e delle proprie rivendicazioni.

L’unione delle tre federazioni LGBT belghe è ormai rafforzata da una nuova denominazione, Pride.be, che non si presta ad alcun tipo di disputa linguistica, se consideriamo che la parola pride è ormai inserita da lungo tempo nel patrimonio genetico LGBT (tranne in Francia, a quanto pare).

In ogni caso, gli organizzatori del Pride.be, il municipio ed il governo sperano di vedere almeno 100 000 persone sfilare il 16 maggio nel centro di Bruxelles. La parata vera e propria avrà luogo dalle 14.00 alle 15.30, poi saranno festa e musica fino a mezzanotte.

Il Belgian Pride nel 2014. ©Eric Danhier / Edanhier.

Il Belgian Pride nel 2014. ©Eric Danhier / Edanhier.

La festa si preannuncia grandiosa. Due grattacieli (P&V e Belfius) sono illuminati con i colori dell'arcobaleno una quindicina di giorni fino alla notte della parata. Allo stesso modo, molte vie della capitale sono addobbate con le bandiere rainbow per preparare la popolazione allo shock festivo in arrivo.

Per popolazione, bisogna intendere gli autoctoni, ma anche e – forse – soprattutto i turisti. I poteri pubblici, in effetti, inseriscono il Pride Belga nei maggiori eventi della stagione turistica. Tutta una serie di eventi rivaleggiano in seduzione per attirare turisti.

Dal 24 al 26 aprile, ad esempio, si è tenuta la 2a edizione di Girls Heart Brussels. L’evento consiste nel vedere Bruxelles da un'angolatura femminile in generale e lesbica in particolare. Ristoranti, shopping, happening artistici e serate speciali facevano parte del mix della festa.

Tantissimi nel 2014. Ancora di più nel 2015? ©Eric Danhier / Edanhier.

Tantissimi nel 2014. Ancora di più nel 2015? ©Eric Danhier / Edanhier.

Perché un evento per le lesbiche, piuttosto che per i gay? Semplicemente perché Bruxelles non ha atteso il 2015 per fare la corte ai ragazzi, e non solamente in occasione del Pride o delle due settimane LGBT che lo precedono.

I primi Belgian Pride non si chiamavano così e non si tenevano a Bruxelles. La ventesima edizione dell'evento non corrisponde al ventesimo anno, poiché la manifestazione – che non durava ancora due settimane – non era annuale, ma biennale. All'epoca, la sfilata era quasi nascosta, o almeno fuori dal centro cittadino.

E' solamente a partire dagli anni 2000, e soprattutto nel 2009, che il Pride di Bruxelles beneficia di un largo consenso e di una reale volontà politica municipale, regionale e nazionale. Meglio ancora, l'ufficio del turismo di Bruxelles è partner ufficiale della manifestazione dal 2012.

Per saperne di più sulla storia del Pride.be, leggete il testo RTBF che ho usato come fonte.
E per consultare il programma completo, andate su Pride.de, scegliete la lingua e cliccate sull'Agenda.

Se non sai cosa fare il 16 maggio, adesso sai dove andare per divertirti.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg