Rio de Janeiro: matrimonio simbolico per 160 coppie omosessuali

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Rio de Janeiro: matrimonio simbolico per 160 coppie omosessuali

(Blogmensgo, blog gay del 28 novembre 2014) Lo Stato brasiliano di Rio de Janeiro ha organizzato nell'omonima città, il 23 novembre 2014, la quinta sessione collettiva di matrimoni tra coppie dello stesso sesso. E questa volta, 160 coppie omosessuali si sono sposate, alla presenza di 1 500 invitati. Un record mondiale.

Qui sotto Jane di Castro, 65 anni, che interpreta «Non, je ne regrette rien» di Édith Piaf. Era l'agosto 2014.

Sotto il segno degli emoções

Jane di Castro, 65 anni, cantante transgender e attivista LGBT ha approfittato dell'occasione per sposare Otávio, suo compagno da quarantasette anni. Sempre lei ha interpretato una canzone di Roberto Carlos intitolata Emoções (Emozioni) e scelta come «inno» di questa celebrazione collettiva.

Le 160 coppie provengono da tutte le regioni dello Stato di Rio de Janeiro. Per due terzi erano coppie di lesbiche e per il restante terzo coppie di gay. Gli sposi ed i loro invitati si sono riuniti nella zona del porto, all'interno di un magazzino ristrutturato per l'occasione.

L’iniziativa è stata promossa dal Programma dello Stato di Rio contro l'omofobia (Programa Estadual Rio sem homofobia), che dal 2013 ha organizzato le quattro cerimonie precedenti. E contando le 160 coppie di quest'anno, l'organizzazione para-statale ha condotto al matrimonio circa 500 coppie gay e lesbiche con queste iniziative collettive. L'evento del 23 novembre ha visto tra gli sponsor il tribunale di Rio de Janeiro.

Per far avanzare i diritti LGBT

il coordinatore dell'organizzazione para-statale, Cláudio Nascimento, intende anche garantire la fine delle discriminazioni nei confronti delle persone LGBT. Discriminazioni che sfociano in violenze fisiche per l'incapacità del Parlamento di votare una legge contro l'omofobia, ed infine per la reticenza delle istituzioni giudiziarie nel garantire diritti alle coppie omosessuali.

Jane di Castro ha interpretato, a braccetto con Otávio, una canzone piena di emoções. ©Jane di Castro.

Jane di Castro ha interpretato, a braccetto con Otávio, una canzone piena di emoções. ©Jane di Castro.

Dal 2011, la Corte suprema brasiliana garantisce in effetti alle coppie omosessuali stabili gli stessi diritti e vantaggi delle coppie eterosessuali. Questo risultato è il frutto di un ricorso depositato nel 2008 dal governo di Rio de Janeiro davanti alla Corte suprema.

300 coppie omosessuali nel 2015!

La parità di diritti si ferma alle porte del matrimonio, poiché il Brasile non ha ancora legalizzato i matrimoni omosessuali. I 160 matrimoni civili tra persone dello stesso sesso celebrati il 23 novembre sono quindi puramente simbolici. Uno slogan ha riassunto la principale rivendicazione di tutti i partecipanti su di uno striscione gigante: «perché l'amore è un diritto».

Cláudio Nascimento conta di ripetersi nel 2015. Ma, questa volta, il matrimonio collettivo riunirà 300 coppie omosessuali.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg