Non così friendly, le agenzie federali americane…

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Non così friendly, le agenzie federali americane…

(Blogmensgo, blog gay del 2 settembre 2014) La maggior parte delle amministrazioni ed agenzie federali degli Stati Uniti riconoscono ufficialmente la legalità del matrimonio omosessuale, dopo la famosa sentenza del giugno 2013 dove la Corte suprema ha giudicato incostituzionale una parte della legge «Doma» sul matrimonio. Ma molte tra loro fanno orecchie da mercante, in tutta omofobia legalità.

Nel Paese degli avvocati, la giustizia avrà l'ultima parola. ©Photoxpress.com/dinostock Fotolia.

Nel Paese degli avvocati, la giustizia avrà l'ultima parola. ©Photoxpress.com/dinostock Fotolia.

Il  potere  federale  americano  stima  oggi  che  le  coppie  omosessuali  sposate  in  uno  Stato  dove  il  matrimonio  tra  persone  dello  stesso  sesso  è  legale  possono  pretendere  gli  stessi  diritti  e  benefici  delle  coppie  eterosessuali  sposate.  Tale  è  la  dottrina  che  applicano  volentieri  il  ministero  della  Difesa  e  le  amministrazioni  fiscali  e  penitenziarie.

Far West giuridico

Altre amministrazioni continuano ad applicare le proprie procedure che fanno riferimento a vecchi testi mai abrogati né modificati. Testi in cui si trovano solamente «il marito e sua moglie», o «un uomo ed una donna», o ancora «la persona dell'altro sesso». Regolamenti che impongono la riserva che il matrimonio gay o lesbico sia legale nel loro Stato di residenza sia quando la coppia si è sposata, sia quando domanda di beneficiare di tale vantaggio o tale prestazione. In altre parole,  queste amministrazioni subordinano la legge federale alla legge di uno Stato specifico degli Stati Uniti.
Se una coppia omosessuale legalmente sposata nel Massachusetts risiede in uno Stato dove né il matrimonio omosessuale, né una forma di PACS hanno valore legale (ad esempio in Florida, in Texas o nel Montana), è la legge – omofoba – del loro Stato di residenza che è applicabile nei confronti di determinate giurisdizioni.

Questi testi, non spurgati dai loro residui omofobi sono ancora applicabi9li dalle amministrazioni federali di sicurezza sociale e delle pensioni del settore ferroviario, così come per il Departement of Veterans Affairs. Il Ministro della Giustizia non è riuscito, nel giugno 2014, a far passare una legge che avrebbe reso questa fraseologia e queste procedure di un'altra epoca obsolete.

Il Departement of Veterans Affairs esige anche che le coppie omosessuali specifichino prima quando e dove si sono sposate. Se il matrimonio tra persone dello stesso sesso non era (ancora) legale nel loro Stato di residenza quando la coppia si è sposata o quando ha presentato domanda al dipartimento, allora esso rifiuta di considerare due uomini o due donne come una coppia sposata. Gli rifiuta quindi ipso facto i prestiti garantiti dallo Stato federale e la pensione federale, di invalidità o di vedovanza alle quali hanno diritto le coppie eterosessuali sposate.

 

Braccio di ferro giudiziario

L’associazione Lambda Legal ha iniziato, il 18 agosto 2014, un procedimento giudiziario (comunicato | blog) nei confronti del Departement of Veterans Affairs. Obiettivo: far riconoscere l'incostituzionalità del suo regolamento, un'amministrazione federale americana non deve appoggiarsi sulle leggi di un determinato Stato se esse sono incostituzionali a livello federale.

La stessa associazione di difesa dei diritti LGBT ha anche in programma, per gli stessi motivi, di citare in giudizio l'amministrazione federale della sicurezza sociale.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg