Out in the Line-up mostra la malinconia dei surfisti gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Out in the Line-up mostra la malinconia dei surfisti gay

(Blogmensgo, blog gay del 22 luglio 2014) Il Festival del Film del surf di Anglet (Francia) ha assegnato il «premio speciale della giuria» ai registi australiani Thomas Castets e Ian W. Thomson per il loro documentario Out in the Line-up sull'omosessualità nel mondo del surf. Non è la prima ricompensa per questo documentario militante dal percorso atipico.

Out in the Line-up : sito | Facebook | riassunto completo in inglese e in francese

Qui sotto, il trailer del documentario.

http://vimeo.com/ondemand/outinthelineup/62848474

Il documentario di Thomas Castets, tra l'altro fondatore del sito GaySurfers.net, denuncia l'omertà che pesa sull'omosessualità nel mondo del surf. Per realizzarlo, i due registi hanno seguito nel 2011 due surfisti gay in Hawaii e Messico, Australia e Galapagos. I due protagonisti sono l'ex-campione di surf australiano David Wakefield – che ha fatto coming out dopo vent'anni di carriera – ed il suo compagno Thomas.

Perché e come uno sport amante della libertà è andato a finire in un mare di omofobia? Il documentario mette in luce gli stereotipi ed i pregiudizi e mostra la schiacciante responsabilità degli sponsor e dei media nella loro perpetuazione. E' per questo motivo, salvo pochissime eccezioni, che i surfisti professionisti optano sistematicamente per il segreto.

surf

Il tabù in questo sport riguarda soprattutto l'omosessualità maschile, poiché le surfiste sono più interessate a prendere una buona onda che a infastidire le lesbiche.

Il documentario aveva già ricevuto una mezza dozzina di premi nei festival di tutto il mondo prima di essere nuovamente premiato ad Anglet.
Ha la particolarità di essere nato grazie ad un'operazione di finanziamento partecipativo (crowdfunding) su Kickstarter. Il principale donatore è lo scrittore e produttore Taro Gold, che ha offerto il 15% del finanziamento necessario, i 30 000 dollari australiani richiesti (circa 20 000 euro) che, tra latro, sono stai abbondantemente superati.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg