Pride, vincitore della Queer Palm 2014

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Pride, vincitore della Queer Palm 2014

(Blogmensgo, blog gay del 27 maggio 2014) La commedia Pride del regista britannico Matthew Warchus ha vinto, all'unanimità della giuria, il 23 maggio 2014, la quinta edizione della Queer Palm ai margini del Festival di Cannes.

Queer Palm: sito | edizione 2014

Tutti per i minatori! Clicca per ingrandire. ©Quinzaine-realisateurs.com.

Tutti per i minatori! Clicca per ingrandire. ©Quinzaine-realisateurs.com.

Tredici lungometraggi provenienti dalle principali selezioni del Festival di Cannes si contendevano la Queer Palm, premio che distingue «un film per le sue qualità artistiche ed il suo trattamento delle questioni gay, lesbiche, bisessuali o trans così come il trattamento delle questioni di genere». In altre parole, l'equivalente a Cannes dei Teddy Award di Berlino. Il film Pride, scelto dalla Quinzaine des réalisateurs, faceva parte di un centinaio di film selezionabili.

Il film vincitore dell'edizione 2014 si ispira ad una storia vera e racconta come, nel 1984, durante i grandi conflitti sociali dell'epoca Thatcher, un collettivo LGBT ha organizzato una colletta di sostegno ai minatori in sciopero.
Pride ha sedotto la giuria della Queer Palm – presidiata quest'anno dal regista canadese Bruce LaBruce – soprattutto per tre ragioni: promuove il rispetto della diversità sessuale, è rivolto al grande pubblico e propone una riflessione allo stesso tempo intelligente e divertente.

Il film non è da cestinare, nonostante l'immagine! Clicca per ingrandire. ©Quinzaine-realisateurs.com.

Il film non è da cestinare, nonostante l'immagine! Clicca per ingrandire. ©Quinzaine-realisateurs.com.

Altre due opere sembravano in grado di vincere. Se il film francese Party Girl (di Marie Amachoukeli, Claire Burger e Samuel Theis) non ha vinto la Queer Palm, ha ottenuto il Prix d’ensemble nella selezione ufficiale e la Caméra d’or. In compenso, l'atteso Bande de filles (Girlhood in inglese) della francese Céline Sciamma (regista di Tomboy) è rimasto a mani vuote.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg