La giustizia federale ordina al Tennessee di convalidare tre matrimoni gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

La giustizia federale ordina al Tennessee di convalidare tre matrimoni gay

(Blogmensgo, blog gay del 18 marzo 2014) In una sentenza pronunciata il 14 marzo 2014, il giudice federale Aleta Arthur Trauger ha ordinato al Tennessee di riconoscere la validità di tre matrimoni omosessuali contratti fuori da tale Stato.

Sentenza in PDF | Reportage su una delle tre coppie

Per associazione di idee, tutto ciò mi ricorda la canzone Quelque chose en nous de Tennessee di Johnny Hallyday, le cui parole non hanno niente a che vedere con la questione. Giusto per mettere qualche immagine prima di entrare nel vivo della questione:

La sentenza di prima istanza riguarda unicamente i tre matrimoni sottoposti alla giustizia federale. La notifica non riguarda, quindi, il divieto del matrimonio omosessuale in Tennessee, ma il non-riconoscimento di questi tre matrimoni, legalmente contratti altrove.

Il giudice Trauger ha fatto capire il basso valore costituzionale che attribuisce al divieto che il Tennessee applica a gay e lesbiche sul matrimonio:
“At this point, all signs indicate that, in the eyes of the United States Constitution, the plaintiffs’ marriages will be placed on an equal footing with those of heterosexual couples and that proscriptions against same-sex marriage will soon become a footnote in the annals of American history.”
(«A questo punto, tutto indica che, agli occhi della Costituzione degli Stati Uniti, i matrimoni dei ricorrenti saranno messi su un piano di legalità come quelli delle coppie eterosessuali e che ogni divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso sarà presto solo una nota negli annali della storia americana.»)

Il divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso in Tennessee è il risultato di un emendamento costituzionale votato nel 2006. Tale voto intendeva sancire una legge in vigore dal 1996.

Tre coppie omosessuali avevano denunciato alla Corte federale il fatto di non potere far riconoscere in Tennessee la validità del proprio matrimonio. Johno Espejo e Matthew Mansell, in coppia da diciannove anni ed oggi padri di due bambini, si erano sposati in California nel 2008 e vivevano in Tennessee dal 2012. Sophy Jesty e Valeria Tanco si sono sposate a New York. Valeria,che deve partorire a breve, potrà registrare il nome di sua moglie come madre giuridica e legalmente investita dell'autorità parentale. Il sergente Ijpe DeKoe ed il laureato in Belle Arti Thomas Kostura si sono, anch'essi, sposati a New York prima di trasferirsi nel nuovo acquartieramento militare.

La sentenza di primo grado è suscettibile di appello davanti ad una Corte federale. In questo caso, davanti alla sesta Corte d'appello federale, la stessa che esaminerà due decisio0ni simili pronunciate in Kentucky (con entrata in vigore il 20 marzo, ma il governatore del Kentucky si appellerà) e nell’Ohio. Il giudice Trauger si è, ella stessa, fortemente appoggiata su queste due sentenze per stabilire la propria causa.
Su questioni più o meno simili, vedete anche i nostri articoli del 5 marzo (Texas e Kentucky) e del 18 gennaio 2014 (Oklahoma).

Il ministro della Giustizia del Tennessee ha fatto sapere che farà sicuramente appello alla decisione di prima istanza.

Commento. La sentenza del 14 marzo si applica esclusivamente ai tre casi portati davanti alla giustizia. Ogni altro caso simile dovrà essere oggetto di una procedura distinta. Possiamo quindi, allo stesso tempo, gioire per un verdetto favorevole e deplorare una decisione che manca di audacia.

C'è da temere che la frase - quella evidenziata sopra - del giudice Trauger non abbia alcun valore giuridico e che, anzi, possa servire come contro-argomentazione ai detrattori del matrimonio gay. Il giudice deve conformarsi al diritto e non può trasformare la giustizia in fiction. Tuttavia, il resto della sentenza sembra molto meglio argomentata.

Da notare che lo stesso 14 marzo è stata depositata davanti alla Corte federale una quarta denuncia contro il divieto del matrimonio omosessuale in Indiana (fonte).

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg