L’Uruguay celebra il suo primo matrimonio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

L’Uruguay celebra il suo primo matrimonio gay

(Blogmensgo, 14 agosto 2013) Un primo matrimonio omosessuale è stato celebrato in un ospedale di Montevideo, il 5 agosto 2013 alle 7.55, dall'entrata in vigore della legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso in Uruguay.

Rodrigo Borda e Sergio Miranda si sposeranno - per amore e per attivismo. ©Blog.friendlymap.com.uy/.

Rodrigo Borda e Sergio Miranda si sposeranno - per amore e per attivismo. ©Blog.friendlymap.com.uy/.

I matrimoni gay e lesbici non avrebbero potuto essere celebrati prima del prossimo 16 agosto, come i ritardi amministrativi imponevano. Il matrimonio del 5 agosto è stato oggetto di una procedura d'urgenza poiché uno dei due sposi soffre di un cancro in fase terminale. Luisa Salaberry, il cancelliere che ha sposato i due uomini (la cui identità non è stata resa pubblica) precisa che il paziente era perfettamente lucido e la cerimonia è stata molto commovente.

Il primo matrimonio omosessuale che sarà celebrato secondo la procedura normale unirà, il 16 agosto, Rodrigo Borda (39 anni) e Sergio Miranda (45 anni). I due uomini, in coppia da quattordici anni, co-dirigono il magazine gratuito Friendly Map. Sono stati i primi a iscriversi il 5 agosto all'ufficio di stato civile in modo da contrarre matrimonio, e ciò alle 7.32 ed in pieno inverno australe. Anche il loro matrimonio si terrà nella capitale Montevideo.

La legge sul matrimonio omosessuale è stata adottata definitivamente dal senato uruguaiano lo scorso aprile (cfr. il nostro articolo del 9 aprile 2013). In precedenza, l’Uruguay aveva legalizzato le unioni civili (2008), la presenza omosessuale nelle forze armate (2009), le adozioni da parte di coppie omosessuali ed il cambiamento di sesso all'età di 18 anni (cfr. l'articolo di BlogMensGo.fr del 10 settembre 2009).

In America Latina, il matrimonio omosessuale è autorizzato solamente nel distretto federale del Messico dal 2009 e in Argentina dal 2010.
L’ambasciata degli Stati Uniti in Argentina, per altro, ha annunciato, il 5 agosto 2013, il lancio di LGBT GO. Questa campagna propone delle borse di studio che possono arrivare sino a 60 000 pesos (circa 2 000 euro) per dei progetti miranti a rinforzare i diritti LGBT in Argentina.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg