In Montenegro, il primo Gay Pride guastato da teppisti omofobi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

In Montenegro, il primo Gay Pride guastato da teppisti omofobi

(Blogmensgo, 2 agosto 2013) Decine di militanti omosessuali hanno partecipato al primo Gay Pride del Montenegro, il 24 luglio 2013,nella stazione balneare di Budva, sulla costa adriatica. Ma le violenze omofobe hanno rovinato la festa.

Budva è una meta turistica omofoba. ©Budva.net.

Budva è una meta turistica omofoba. ©Budva.net.

Una quarantina di gay e lesbiche (numero variante in base alle fonti) indossando bandiere arcobaleno hanno brevemente sfilato sotto un'alta protezione della polizia, vicino al mare. Il cordone di protezione della polizia è stato attaccato a colpi di proiettile da duecento contromanifestanti omofobi (anche qui numeri variabile in base alle diverse fonti). Gli omofobi urlavano «Uccidete i gay», gli omosessuali rispondevano «Abbracciate i gay».

Impossibilitati ad ascoltare i discorsi in tranquillità, i partecipanti del Gay Pride hanno accorciato l'evento e si sono dispersi in battello per ragioni di sicurezza.

Qualche omosessuale ha riportato delle contusioni ed 20 omofobi sono stati messi in custodia. Il ministro degli Interni , Rasko Konjevic, afferma che la polizia ha svolto un buon lavoro.

Numerosi quotidiani hanno pubblicato, la sera, dei falsi necrologi su alcune personalità del'attivismo gay. Sempre la sera, molti caffè della città hanno simbolicamente spento la musica per protestare contro la tenuta di un Gay Pride.

Commento. Il Montenegro afferma di aver sostenuto la tenuta di un Gay Pride. Non per attivismo LGBT, ma per mostrare all'Unione Europea - di cui cerca di diventare membro - che ascolta i diritti dell'uomo in generale e delle minoranze sessuali in particolare.

Nel 2012,il governo montenegrino ha fatto votare una legge che vieta ogni discriminazione sessuale. Lo stesso anno, i due attori che interpretavano una coppia gay in un video che faceva appello alla tolleranza, sono stati picchiati.

Il Montenegro è orgoglioso della sua cosiddetta legislazione gay-friendly. Ma nessuna legge di questo paese punisce l'omofobia. E l'accusa non ha richiesto il perseguimento di libelli di odio pubblicati da giornali locali.

Il Montenegro aveva 662.000 abitanti nel 2011 secondo Wikipedia. Due terzi di loro considerano l'omosessualità come una malattia e quattro quinti (80%) ritiene che l'omosessualità non debba essere visualizzata pubblicamente, secondo un recente sondaggio (di cui non ho riferimenti).

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg