Bombay Talkies festeggia i 100 anni di Bollywood con un bacio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

(Blogmensgo, 18 giugno 2013) Il film Bombay Talkies, che saluta il centenario del cinema indiano e mostra il suo impatto sulla vita quotidiana della gente, abborda temi come l'identità di genere e l'amore tra due uomini. Uno dei quattro cortometraggi che compongono il film contiene addirittura un bacio gay, uno dei primi in assoluto in un film indiano destinato al grande pubblico.

Bombay Talkies : pagine Facebook | Cannes 2013 | Wikipedia (UK)

Qui sotto, il trailer di Bombay Talkies :

Il cortometraggio «Ajeeb Dastaan Hain Yeh» di Karan Johar racconta la storia di un giovane gay, Avinash (Saqib Saleem), e di un gay che non si è ancora scoperto, Dev (Randeep Hooda). Avinash svolge uno stage nel negozio dove lavora Gayatri, moglie di Dev. Gayatri non è scioccata quando Avinash lue confida di essere omosessuale e lo invita a cenare  con suo marito, senza sospettare che avrebbe fatto nascere tra i due uomini una relazione dove il primo bacio sarebbe avvenuto non senza dolore... fisico.

A Bollywood, un cinema parla (talkies) quasi di gay nel testo. ©DR.

A Bollywood, un cinema parla (talkies) quasi di gay nel testo. ©DR.

La regista Zoya Akhtar racconta, nel suo cortometraggio «Sheila Ki Jawaani», la storia di un ragazzo di 12 anni che vuole diventare ballerino mentre suo padre ha investito tutti i suoi soldi per fare del figlio un grande calciatore. Mentre i suoi parenti non lo vedono, il ragazzo si traveste da ragazza e si mette a danzare.

Randeep Hooda è considerato un sex-symbol eterosessuale in India. Il suo bacio con Saqib Saleem è stato tuttavia salutato da applausi nelle sale da cinema indiane, secondo Nitin Karani, difensore dei diritti della comunità LGBT.

L’India non brilla per la sua apertura alle diversità sessuali ed il suo cinema nazionale mostra raramente gay o lesbiche sullo schermo in quanto tali, salvo che siano delle caricature. In quest'ultimo caso, i gay sono presentati come pazzi o come rovina-famiglie.

Chouette, un matrimonio senza omofobia durante la luna di miele… ©Honeymoon Travels.

Chouette, un matrimonio senza omofobia durante la luna di miele… ©Honeymoon Travels.

Solamente qualche film destinato al grande pubblico aveva, fino ad ora, trattato tematiche LGBT. Ad esempio del 2007 Honeymoon Travels Pvt Ltd raccontava il viaggio di nozze low-cost di sei coppie, ossia dodici persone di cui due sognano di formare una coppia omosessuale.

Il fatto che due registi famosi abbiano scelto di trattare tematiche LGBT in Bombay Talkies è un caso più unico che raro in un Paese dove i conservatori sono ancora molto forti. Attori ed attrici famosi, generalmente, non vogliono mettere in pericolo la loro carriera interpretando ruoli di gay o lesbiche «veri e propri», vale a dire non caricaturali.

Commento. Se Bombay Talkies cade nel cliché del gay rovina-famiglie, è forse per sembrare più «credibile».

Difficile fare un trailer per un mosaico di quattro cortometraggi. Quello di Bombay Talkies manca di coerenza, ma offre immagini sontuose e soprattutto musiche sublimi.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg