HIV, dalle speranze di un vaccino alla triterapia generica

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

HIV, dalle speranze di un vaccino alla triterapia generica

(Blogmensgo, 30 gennaio 2013) L’associazione britannica NAM co-organizza una serie di conferenze telefoniche mensili dedicate all'HIV di cui la prima, il 29 gennaio 2013, si è focalizzata «contributi europei per la ricerca di un vaccino contro l'HIV».

Gang NAM style ? ©Aidsmap.com.

Gang NAM style ? ©Aidsmap.com.

Le conferenze telefoniche sono intitolate webinaires: si tratta di seminari interattivi associanti l'audio per telefono e delle diapositive via internet. I webinaires, organizzati in collaborazione con l'Avac, associazione britannica di sensibilizzazione a HIV/AIDS, durano un'ora e trenta minuti e si svolgono solamente in inglese. I partecipanti possono porre delle domande e ricevere risposte, dopo le presentazioni.

1o webinaire (29 gennaio) : info in breve (FR) | complete (UK) Preregistrazione obbligatoria: modulo (solo in inglese)

Il primo webinaire si è svolto il 29 gennaio 2013 a partire dalle ore 14.00 (ora locale), quindi 15.00 in Italia.

Il secondo webinaire è già annunciato per il 26 febbraio 2013. Si discuterà della «ricerca europea sui microbicidi».

Image MensGo Image MensGo Image MensGo

Ne approfitto per segnalare la pubblicazione, nell'edizione della rivista americana Annals of Internal Medicine datata 15 gennaio 2013, di un articolo (riassunto gratuito | commenti) consacrato ad una terapia di antiretrovirali generici in arrivo negli Stati Uniti.

Gli autori di questo studio diretto da Rochelle Walensky (Massachusetts General Hospital) hanno calcolato che la terapia di antiretrovirali generici farà risparmiare ogni anno 1 miliardo di dollari alle casse delle assicurazioni sanitarie americane, ossia 42 500 dollari in meno per paziente sottoposto a triterapia.

In compenso, l'efficacia della futura triterapia sarà inferiore a quella dell'Atripla. la minore efficacia è dovuta ad una somministrazione di tre compresse al posto di una sola, ma anche per l'utilizzo di medicinali generici le cui performances sono inferiori di quelli che vanno a sostituire. Delle tre molecole dell'Atripla, l'emtricitabina (Emtriva) è già presente in versione generico, l’efavirenz (Sustiva) lo sarà presto, e il tenofovir (Viread) verrà assunto in associazione ai due medicinali generici. Adesso, l'efficacia del generico dell'emtricitabina (lamivudine) «è leggermente inferiore a quella della versione originale - è meno resistente ad alcuni ceppi di virus».

Malgrado la minore efficacia potenziale dei generici, Rochelle Walensky stima che una triterapia generica possa essere altrettanto efficace dell'Atripla a patto che i pazienti mai di assumere le loro tre compresse quotidiane.

La questione dei costi è particolarmente cruciale negli Stati Uniti, dove l'Atripla costa 15 300 dollari all'anno per paziente (11 500 euro), mentre lo stesso trattamento costa «solamente» 9 600 euro in Francia. Una triterapia generica non costerebbe più di 9 200 dollari all'anno negli Stati Uniti, ossia il 40% in meno dell'Atripla.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg