I Cattolici si mobilitano (maldestramente) contro il matrimonio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

I Cattolici si mobilitano (maldestramente) contro il matrimonio gay

(Blogmensgo, 20 novembre 2012) Numerose voci cattoliche, a titolo ufficiale o ufficioso, si elevano contro le recenti decisioni miranti a legalizzare il matrimonio omosessuale in Francia. ciò facendo, gli oppositori al matrimonio gay moltiplicano dichiarazioni ed argomenti più vicine all'omofobia ed alla camicia di forza che ad una riflessione serena ed al dibattito cittadino.

Benedetto XVI milita contro il matrimonio gay. ©Wikipédia/Kancelaria Prezydenta RP.

In un editoriale pubblicato il 9 novembre 2012 nell' Osservatore romano, Federico Lombardi, porta-voce del Vaticano, richiama la Chiesa, i suoi vescovi, il clero ed i suoi fedeli, ma anche i governi del mondo intero, invitandoli a mobilitarsi contro il matrimonio gay.

Se oggi lo si legalizza, si domanda padre Lombardi, «perché non suggerire anche una poligamia liberalmente scelta, e certo, per non discriminare, una poliandria?»

In Svizzera, Charles Morerod, vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo, rifiuta in blocco il matrimonio gay sostenendo che «il matrimonio è l'unione tra un uomo ed  una donna, tra i cui compiti c'è quello di donare la vita, cosa che non può fare una coppia dello stesso sesso».

In Francia, il senatore e imprenditore Serge Dassault, 87 anni, afferma che l'omosessualità è «una delle ragioni» che ha condotto alla decadenza della Grecia antica.

Sempre in Francia, molti sindaci, spesso vicini all'UMP (opposizione di destra), affermano che rifiuteranno di celebrare i matrimoni omosessuali, anche se verranno legalizzati.

Di fatto, i rappresentanti francesi delle tre religioni monoteiste rivelate (cristianesimo, islam e ebraismo) sono unite contro il matrimonio gay. I loro argomenti oscillano tra la condanna morale (l'omosessualità sarebbe contro natura), la necessità biologica (rischio di estinzione della razza) e la coesione sociale (le persone non sono ancora pronte ad accettarlo).

Non tutti i cattolici condividono questi punti di vista semplicistici. Un anziano monaco cistercense ha pubblicato, per le edizioni Atelier, Homosexuels catholiques, sortir de l’impasse, libro nel quale invita la Chiesa cattolica e le comunità cristiane ad «aiutare le persone a vivere la loro omosessualità in modo cristiano». (Pubblicato il 20 settembre 2012 in versione cartacea e l'8 novembre 2012 in versione digitale.)

Commento. Sarebbe ora che alcuni cattolici con i para-occhi prendessero coscienza del fatto che combattere l'omosessualità equivale ad un atto di omofobia. Così come si può contestare la politica di Israele senza essere tacciati di antisemitismo, combattere contro il matrimonio gay è vicino all'omofobia, poiché è accompagnato, spesso, da una condanna esplicita o implicita dell'omosessualità.

La teoria del «contro-natura» non regge. Questa nozione implica un «senso morale» che non appartiene a nessuna delle centinaia di specie animali, dal cane al pinguino, dal leone alla mosca, dove l'omosessualità è presente in minima parte.

L'idea di fondo che l'omosessualità sarebbe contraria alla volontà di Dio urta contro una doppia obiezione. Se Dio è «contro» l’omosessualità, definita "male" al pari della guerra, dell'incesto e dei sette peccati capitali, perché diavolo ha inventato l'omosessualità, la guerra, l'incesto e i sette peccati capitali?

La spiegazione mi sembra semplice: Dio non esiste. Nessun cattolico, musulmano o ebreo è in grado di provarmi l'esistenza di Dio. Io, invece, posso provare l'esistenza dell'omosessualità e degli omosessuali, la loro coesistenza millenaria con il regno umano nella sua forma più umana e umanista: l'amore. Perché due uomini che si amano o due donne che si amano, è amore. E dei cattolici che stigmatizzano l'omosessualità, è odio (o un'odiosa forma di stupidità, figlia dell'ignoranza).

E quando il vescovo Morerod afferma c he il matrimonio abbia per vocazione quella di donare la vita, sbaglia. Il matrimonio non mira alla procreazione, poiché si può benissimo procreare senza essere sposati. Ed affermare che il matrimonio mira a procreare, è infliggere una doppia pena alle coppie in cui almeno uno dei due sposi è sterile. Una coppia omosessuale può benissimo donare la vita: letteralmente nel caso di una coppia lesbica, oppure adottando un bambino per dargli una vita migliore.

Quanto all'argomento demografico secondo il quale l'omosessualità minaccerebbe la sopravvivenza dell'umanità, qualunque matematico alle prime armi sarebbe in gradi di provare che si tratta di una stupidaggine, pura e semplice. Serge Dassault mi dica, se gli restano abbastanza neuroni per farlo, a partire da quale percentuale di omosessuali la sopravvivenza della specie correrebbe un reale pericolo. Sarò buono lasciando a Dassault un margine di errore del 10 %.  Egli paragona la proporzione di omosessualità "pericolosa" per il futuro del genere umano con la proporzione reale degli omosessuali nella società.

Monsieur Dassault, non dimenticate chi siete. Siete nato da una stirpe ebrea, nato ebreo (con il nome di Serge Bloch) e diventato cattolico solo in età adulta. Non dimenticate, Serge Dassault, che una parte della vostra famiglia è stata deportata o eliminata nei campi di sterminio. In quegli stessi campi, a fianco dei Bloch, dei Cohen e dei Lévy, c'erano dei froci. Dei Triangoli rosa, decimati a migliaia, come gli ebrei sono stati decimati a milioni.

L’esistenza di questi campi ed il lavoro dei loro carnefici hanno beneficiato, si badi bene, del terribile silenzio di Pio XII. Peggio ancora, i dignitari di Jasenovac – campo di concentramento croato che avrebbe quasi fatto sembrare la maggior parte dei campi nazisti per dei campeggi estivi – hanno beneficiato del sostegno attivo della gerarchia cattolica per la loro fuga. Nel campo di Jasenovac, venivano sterminati gli ebrei con l'accusa di offuscare la razza umana. Accusando gli omosessuali di adulterare l'umanità, Monsieur Dassault, fate un discorso molto simile. Possiate trovare un po' di dignità.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg