Facing Mirrors trionfa al festival cinematografico Chéries-Chéris

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Facing Mirrors trionfa al festival cinematografico Chéries-Chéris

(Blogmensgo, 20 ottobre 2012) Il lungometraggio Facing Mirrors di Negar Azarbayjani ha vinto il primo premio Chéries-Chéris 2012. La diciottesima edizione del festival cinematografico LGBT si è svolta a Parigi dal 5 al 14 ottobre 2012. Il film della regista iraniana succede al film di una regista tedesca  intitolato Roméos (cfr. l'articolo di BlogMensGo.fr del 17 ottobre 2011).

Facing Mirrors, Chéries-Chéris | IMDB | Allociné

Facing Mirrors (o Aynehaye Rooberoo nella versione originale) aveva già vinto il premio come migliore opera prima nel giugno 1012, in occasione del festival internazionale del cinema LGBT di San Francisco. A Parigi, il film (qui sotto il trailer) ha trionfato su altri nove concorrenti nella selezione ufficiale.

La regista racconta la storia di una giovane donna, Adineh, che vuole diventare un giovane uomo, Eddie (o Edi). Il transessuale (FtM) cerca di emigrare verso la Germania per effettuare un intervento di riassegnazione, nonostante tale operazione sia autorizzata in Iran. Contro ogni previsione Eddie stringe amicizia con una donna iraniana, Rana, il cui status sociale e finanziario è l'opposto del suo.

Sullo sfondo di questa storia, il peso dei pregiudizi sociali e religiosi contro l'omosessualità in Iran, paese dove il cambiamento di sesso delle persone transessuali è comunque autorizzato. Si tratta del primo film iraniano in cui il protagonista è transgender (secondo il festival cinematografico di San Francisco).

Il lungometraggio Mia, di Javier Van de Couter, ha ottenuto il premio speciale della giuria. Il premio come miglior attore è stato assegnato a tre persone: Guillaume Gouix e Matila Malliarakis (in Hors les murs di Davis Lambert) e Ohad Knoller (per Yossi di Eytan Fox).

Tra gli altri premiati figurano Les invisibles di Sébastien Lifshitz (miglior documentario) e Footing di Damien Gault (miglior cortometraggio).

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

0 Risposta

  1. […] Negar Azarbayjani, già vincitore del premio Chéries-Chéris a Parigi, di cui avevamo parlato nel nostro articolo del 20 ottobre 2012. E ricordiamo anche il film svedese-danese Brotherhood di Danois Nicolo Donato, grande trionfatore […]

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg