Aggressione omofoba a Catania

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Aggressione omofoba a Catania

Foto by gnuckx

(BlogMensGo 20 febbraio 2012) Omosessuale aggredito ed insultato, nell’indifferenza della gente, in un pub di Catania. Denuncia dell’Arcigay.

Il presidente della sezione di Catania dell’Arcigay, Giovanni Caloggero, denuncia sul sito dell’associazione l’aggressione omofoba: "In un pub molto noto di Catania, ubicato nei pressi del Teatro Massimo in Via Michele Rapisardi, nel corso dell'evento organizzato in occasione di San Valentino, è avvenuto un gravissimo atto di violenza ai danni di un ragazzo Michele Santamaria con una evidentissima causale omofoba. Il Santamaria è stato aggredito a calci e pugni, nonché minacciato con armi da taglio, solo per il suo orientamento sessuale, apostrofato con epiteti chiaramente riferiti a tale aspetto, ha necessitato di cure al pronto soccorso che ha redatto una prognosi di 25 giorni. Il Santamaria ha sporto formale denuncia dei fatti alla locale Questura di Catania.
Oltre l'orrore destato dalla bestiale violenza degli aggressori, è da aggiungersi la assurda indifferenza dei presenti dentro il locale che non hanno ritenuto di intervenire e, cosa ancor più grave, la assoluta irresponsabilità dei cosiddetti responsabili del locale che, non solo nulla hanno fatto per bloccare l'aggressione, ma non si sono nemmeno sentiti in dovere di prestare il dovuto soccorso e chiamare l'ambulanza, omissioni delle quali dovranno certamente rispondere."

È stata indetta per questa mattina una conferenza stampa, alla quale presenzieranno anche l’aggredito ed il presidente nazionale dell’Arcigay, Paolo Patanè, per illustrare la gravità della situazione ed avviare i contatti con le autorità competenti

Giorgio / MensGo

Fonte: Arcigaycatania.com

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg