Il sindaco gay di Berlino e la visita del papa

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Il sindaco gay di Berlino e la visita del papa

Foto di http://www.flickr.com/photos/rene_berlin/

(BlogMensGo, 21 settembre 2011) Klaus Wowereit, socialdemocratico e apertamente gay, è stato eletto per la terza volta sindaco di Berlino con il 29.5% dei voti.

Giovedì 22 settembre è prevista la visita di Benedetto XVI a Berlino e, per la prima volta nella storia, un pontefice terrà un discorso al Bundestag, la camera bassa del Parlamento tedesco.

Una sessantina di associazioni LGBT, atee o vittime di abusi hanno organizzato una mega-manifestazione che prevedere di richiamare fino a 20.000 persone nella capitale tedesca per protestare contro la Chiesa cattolica, in particolar modo in merito alle sue posizioni a proposito di profilattici, aborto e discriminazione degli omosessuali, oltre al fatto che un capo religioso abbia la parola in un parlamento laico, argomento che ha spinto un centinaio di parlamentari di sinistra ad annunciare la loro diserzione il giorno del discorso.

La delegazione berlinese di “Certi Diritti”, associazione radicale italiana, ha scritto una lettera aperta nella quale invita il sindaco ad accogliere il pontefice avendo al suo fianco il compagno di vita:

Roma, 19 settembre 2011

“Signor Sindaco di Berlino, nel farle i complimenti per la sua terza elezione alla carica di Sindaco di una delle città più gayfriendly d`Europa, la invitiamo a fare un gesto molto importante per le comunità lgbt europee. Il prossimo 22 settembre, i suoi doveri di rappresentanza le impongono di accogliere il Papa che sarà in visita nella sua città; in passato il Papa si era ben guardato dal visitare la città di Berlino ma ora vi è costretto per recarsi nella sede del Parlamento. La invitiamo ad accogliere il Papa con il suo compagno di vita al fianco perché, ne siamo certi, questo gesto sarebbe di grande aiuto alle comunità Lgbt europee e determinerebbe un effetto mediatico molto importante in tutta Europa. Questo gesto simbolico aiuterebbe centinaia di migliaia di persone lesbiche e gay che, anche a causa della politica omofoba della chiesa cattolica, non hanno il coraggio di uscire allo scoperto e vivere con serenità la loro condizione”.

Sergio Rovasio
Segretario Associazione Radicale Certi Diritti

Giorgio / MensGo

Fonte: Il Messaggero 19/9/11; Notizie Radicali 20/9/11

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg