Morto l’ultimo superstite dei lager nazisti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Morto l’ultimo superstite dei lager nazisti

Rudolf Brazda - foto di http://www.flickr.com/photos/gillescouteau/

(BlogMensGo, 5 agosto 2011) Rudolf Brazda, l'ultimo superstite omossessuale dei campi di concentramento nazisti, è morto la mattina del 3 agosto, all'età di 98 anni.

Nato nel 1913 in Germania da genitori di origine ceca, Rudolf Brazda, fu prima punito per la sua omosessualità con la prigione e l'espulsione in Cecoslovacchia, e successivamente, conquistata quest'ultima da parte del Terzo Reich, deportato nel campo di concentramento di Buchenwald, l'8 agosto 1942.

Liberato dagli americani nel 1945, Rudolf si rifugiò in Francia dove, nel 1960, ottenne la nazionalità e, nell'aprile 2011 la Legione d'Onore, dopo la pubblicazione della sua biografia, La fortuna mi assisteva sempre. Rudolf Braza: la sopravvivenza di un omosessuale nel Terzo Reich.

Spentosi nella casa di cura per anziani di Bantzenheim, in Alsazia, Rudolf ha espresso la volontà di essere cremato e le sue ceneri riposeranno insieme a quelle di Edouard Mayer, suo compagno per più di cinquant’anni.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg