Coming out di Pascal Erlachner, arbitro di calcio svizzero

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Coming out di Pascal Erlachner, arbitro di calcio svizzero

(Blogmensgo, blog gay del 14 dicembre 2017) Pascal Erlachner, 37 anni, è il primo arbitro di calcio gay ad aver fatto coming out in Svizzera. La notizia non è una novità per il piccolo mondo del calcio professionistico svizzero. Spieghiamoci meglio.

Tutto il mondo sa ormai che Pascal Erlachner è gay. Ma il suo entourage professionale lo sapeva già: i suoi colleghi arbitri, i calciatori, gli allenatori e i dirigenti dei vari club. Arbitro di calcio dal 2010, Pascal Erlachner non aveva mai nascosto né la propria omosessualità, né il fatto di avere un compagno.

Il primo calciatore che dirà all'arbitro "brutto frocio" prenderà un cartellino rosso! ©ljupco/123RF

Pascal Erlachner arbitra le partite del campionato di calcio svizzero (Raiffeisen Super League) oltre al suo mestiere abituale (insegnante di educazione fisica). La famiglia, al corrente della sua omosessualità da sette anni, non ha fatto mancare sostegno e affetto. In compenso, non aveva mai rivelato la propria omosessualità ai colleghi insegnanti e ai suoi allievi.

il coming out di Pascal Erlachner è avvenuto tra due partite. Arbitrerà il prossimo incontro nel weekend del 16 dicembre 2017. Senza pressioni particolari, ma con uno statuto di quasi icona gay che hanno decretato le associazioni LGBT della Svizzera tedesca – e con tutti i media puntati su di lui.

Pascal Erlachner non prevede di distribuire cartellini gialli se lo si tratta con rispetto. Ma se un giocatore o un allenatore lo appellasse Schwule Sau (brutto frocio) o Schwuchtel (pedofilo), allora non esiterebbe a tirare fuori, per la sesta volta in tutta la sua carriera, il cartellino rosso sinonimo di espulsione.

Nativo del Soleure e residente nell'Argovie – due cantoni della Svizzera tedesca –, Pascal Erlachner ha fatto coming out anche se, come riconosce, «l'omosessualità rimane un tabù enorme nel calcio», in Svizzera come altrove. E proprio per contribuire a far evolvere le mentalità nel calcio e in Svizzera ha fatto coming out.

Ha agito da solo, senza incoraggiare – né dissuadere – altri gay nel mondo del calcio a fare coming out. Perché di gay ce ne sono, nel mondo del calcio professionale svizzero come dappertutto. Pascal Erlachner ne conosce. Nessuno dubita che altri ancora si confideranno con lui adesso che è diventato un faro per la lotta contro l'omofobia.

«Spero che il mio coming out susciti un dibattito pubblico», spiega. E che altri arbitri e altri calciatori facciano lo stesso passo.

Rari sono gli arbitri professionisti apertamente gay nel mondo dello sport, in particolare nel calcio. C'è, ad esempio, Ryan Atkin, primo arbitro di calcio professionista dichiaratamente gay nel Regno Unito. Altri due arbitri hanno vissuto momenti difficili dopo il proprio coming out. In Turchia, Halil İbrahim Dinçdağ ha fatto condannare la Federazione turca di calcio che gli aveva vietato di esercitare a ragione della propria omosessualità. E, in Spagna, l'arbitro gay Juan Tomillero ha dato le dimissioni perché non sopportava più gli insulti omofobi del pubblico.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg