La Scozia concede l’amnistia ai gay condannati per omosessualità – e chiede loro scusa

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

La Scozia concede l’amnistia ai gay condannati per omosessualità – e chiede loro scusa

(Blogmensgo, blog gay del 9 novembre 2017) Il 7 novembre la Scozia ha presentato una legge concedendo l'amnistia ai gay condannati per omosessualità. La Prima ministra scozzese, Nicola Sturgeon, ha approfittato dell'occasione per presentare le scuse ufficiali della Scozia ai gay e bisessuali ingiustamente condannati, ma, contrariamente alla Germania, senza indennizzo pecuniario. Una legge similare sull'amnistia è entrata in vigore in Inghilterra e nei Paesi del Galles il 31 gennaio 2017.
Il discorso di scuse resterà negli annali, ma la nuova legge è stata solamente presentata davanti al Parlamento il 7 novembre (a differenza di una promulgazione, come sembrava in un primo momento), in altre parole, per essere promulgata servirà ancora un po' di tempo.
Per coincidenza, apprendiamo quasi nello stesso momento che il primo Gay Pride di Aberdeen avrà luogo nell'estate 2018.

Nicola Sturgeon: la Prima ministra presenterà le scuse del governo scozzese. ©SG

La legge scozzese sull'amnistia sarà automaticamente retroattiva, ma per ogni condanna per omosessualità dovrà essere  fatta richiesta per cancellarla dal casellario giudiziario. In compenso, la Scozia non risarcirà i gay e i bisessuali condannati per relazioni omosessuali.

L'atteggiamento della Scozia è, dunque, meno ambizioso di quello della Germania (che propone un indennizzo simbolico) e più volenteroso di quello dell'Inghilterra (Theresa May non ha presentato scuse a nome del governo). Come nello Stato di Victoria (Australia), la Scozia presenta delle scuse per il danno – spesso irreparabile – che possono aver causato le vecchie leggi omofobe.

La Scozia ha depenalizzato le relazioni sessuali tra uomini consenzienti nel 1980, ossia tredici anni dopo l'Inghilterra e il Galles. In questi tre Paesi, l'età legale per i rapporti sessuali fu fissata a 21 anni. E' solamente dal 2001 che la maggiore età sessuale legale (16 anni) è identica sia per gli omosessuali che per gli eterosessuali.

I dettagli della nuova legge non sono ancora stati resi pubblici nel momento in cui scrivo questo articolo. Così come non è ancora stato indicato il numero di uomini interessati da questa amnistia. In caso, completerò l'articolo quando saranno disponibili elementi più precisi.

Apprendiamo anche che la terza maggiore città scozzese, Aberdeen, vivrà il suo primo Gay Pride nell'estate 2018. La date esatta non è ancora stata fissata.

Il municipio, l'associazione LGBT locale Four Pillars e il collettivo Grampian Regional Equalities Council (Grec) si sono uniti per preparare questo Pride, con l'ambizione di farlo diventare tanto festoso e popolare quanto quello delle altre due metropoli scozzesi, Glasgow ed Edimburgo.

Aberdeen, come sembra? Così – almeno nella «versione demo» :

Se il Gay Pride di Aberdeen sarà bello come questo video promozionale, allora corriamo tutti ad Aberdeeeeeeeeen!

Le scuse pubbliche della Prima ministra sono state decisamente memorabili. Non solamente Nicola Sturgeon le ha presentate in modo solenne davanti al Parlamento (nel video qui sotto, dal minuto 14:12:55 al minuto 14:20:15), ma le ha presentate a nome di governi dei quali non ha mai fatto parte.

 

E soprattutto, Nicola Sturgeon ha saputo trovare le parole giuste. Ecco un breve estratto:

Today as first minister I categorically, unequivocally and wholeheartedly apologise for those laws and for the hurt and the harm that they caused to so many.
Nicola Sturgeon, Primo ministro della Scozia, 7 novembre 2018
(Oggi come Primo ministro, mi scuso in modo categorico, inequivocabile e senza riserve per queste leggi e per il danno e i torti che hanno causato a tante persone.)

Parole molto forti e sincere che hanno sottolineato l'importante responsabilità del legislatore a cui spetta il compito di – tentare di – riparare oggi agli errori che ha commesso ieri.

I discorsi della Prima ministra e i discorsi seguenti hanno avuto un'immediata conseguenza: hanno commosso il pubblico presente, in particolare una coppia di gay anziani in lacrime.

Il testo presentato il 7 novembre al Parlamento si intitola «legge sulle infrazioni sessuali storiche (grazia e inapplicabilità)». La grazia è automatica se i fatti contestati non sono più condannabili al giorno d'oggi. In altre parole, la grazia è automatica in caso di condanna per relazioni omosessuali tra uomini consenzienti di almeno 16 anni di età, ma sarà rifiutata se la condanna sanziona reati (stupro, pedofilia…) che ancora rientrano nel diritto penale.

L'adozione di una legge nel Parlamento scozzese avverrà in tre tappe la cui durata potrebbe essere di qualche mese, tranne nel caso eccezionale di una procedura accelerata. Il progetto di legge di amnistia depositato il 7 novembre 2017 non è che il primo di questi step.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg