La Germania apre le porte al matrimonio gay

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

La Germania apre le porte al matrimonio gay

(Blogmensgo, blog gay del 10 luglio 2017) Dopo solamente un'ora di dibattito, il Bundestag (camera bassa del Parlamento tedesco) ha approvato una legge sull'apertura del matrimonio alle coppie omosessuali, con 393 voti a favore e 226 contrari, tra cui quello della cancelliera Angela Merkel. Il testo era stato presentato dai Socialdemocratici (SPD), con l'appoggio del partito di sinistra (Die Linke) e dei Verdi (Die Grünen). Una settimana prima, il Bundestag aveva votato una legge di riabilitazione dei gay condannati per la loro omosessualità.

Ansiosa di ottenere il favore dell'elettorato centrista prima delle elezioni legislative di settembre 2017, Angela Merkel ha scelto di non dare alcuna indicazione di voto ai suoi colleghi del Partito Cristiano-democratico (CDU) al potere. Quattro giorni dopo, la legge sul «matrimonio per tutti» è stata votata con scrutinio segreto e approvata da una larga maggioranza, con la Merkel e i tre quarti dei deputati del CDU che hanno votato contro.

In versione breve, qui sotto, alcune reazioni raccolte da Euronews dopo il voto del Bundestag a favore del «matrimonio per tutti»…

Per quelli che non parlano tedesco, la cancelliera Angela Merkel ha ripetuto che secondo la Costituzione tedesca, il matrimonio è l'unione tra un uomo ed una donna.

Il consenso a maggioranza nella Camera a proposito del matrimonio gay appare meno largo rispetto a quello della società, dove i tre quarti (73%) della popolazione tedesca erano favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La questione non ha infiammato la società, con i partiti di sinistra che avevano fatto della legalizzazione del matrimonio gay una promessa elettorale e quelli di destra che hanno preferito non infiammare troppo il dibattito. Una parte della stampa conservatrice ha tuttavia ritenuto opportuno scagliarsi contro una legge a loro dire irricevibile, come il Frankfurter Allgemeine Zeitung secondo il quale la legalizzazione del matrimonio gay e lesbico potrebbe costituire un trampolino di lancio verso l'unione tra fratelli e sorelle.

Nel 2001, la Germania aveva istituito un PACS, o «convivenza registrata» (LebenspartnerschaftsgesetzLPartG). Questa istituzione ha beneficiato, negli anni a seguire, di un rafforzamento con vantaggi fiscali e sociali molto vicini al regime matrimoniale eterosessuale.

Il Bundestag ha registrato, qui sotto, la seduta parlamentare al termine della quale è stato votato il testo che mira ad aprire il matrimonio alle coppie dello stesso sesso. A seconda dei diversi interventi, un'ora di (dis)piacere in lingua originale tedesca.

L'entrata in vigore della legge sul matrimonio omosessuale confermerebbe la legalizzazione della stepchild adoption. Non so se per colpa del caldo, ma non ho letto se il testo approvato dal Bundestag prevede di allargare il regime di adozione omogenitoriale all'adozione congiunta di figli esterni alla coppia.

Per entrare in vigore. il testo di legge deve ancora essere convalidato dal Bundesrat (camera alta del Parlamento) e poi firmato dal Capo di Stato.
Update. Il 7 luglio 2017, durante l'ultime riunione parlamentare prima della pausa estiva, anche il Bundesrat ha votato a favore della legge sul «matrimonio per tutti» (Ehe für alle). Ormai, non rimane che ottenere la firma del presidente Frank-Walter Steinmeier, che non dovrebbe essere che una semplice formalità, dopodiché il testo di legge sarà pubblicato sulla Gazzetta federale ufficiale (Bundesgesetzblatt) e potrà entrare in vigore in un tempo relativamente breve.

Molti eletti del CDU e del partito AfD (populista tendente a destra) hanno manifestato, il 3 luglio 2017, l'intenzione di depositare un ricorso davanti al Tribunale costituzionale federale (Bundesverfassungsgericht), la più alta corte tedesca. L'entrata in vigore della legge sul matrimonio omosessuale potrebbe quindi esser ritardata, se i saggi del Karlsruhe scegliessero di prendersi del tempo per decidere.

E per finire – perché non possiamo non farlo – i risultati della votazione annunciati da Norbert Lammert, presidente del Bundestag.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg