Fuck Positive rimette l’HIV in discussione (e il pene nel preservativo)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Fuck Positive rimette l’HIV in discussione (e il pene nel preservativo)

(Blogmensgo, 8 marzo 2013) L’associazione Aide suisse contre le sida ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione all'hiv ed alla lotta contro la discriminazione delle persone sieropisitive. Chiamata Fuck positive,tale campagna mira ad informare l’entourage dei sieropositivi, ma anche i gay in generale ed i sieropositivi in particolare.

La migliore tecnica per il sesso sicuro: la la fedeltà. ©Fuckpositive.ch.

La migliore tecnica per il sesso sicuro: la la fedeltà. ©Fuckpositive.ch.

Fuck positive : francese | tedesco | italiano | inglese

La sieropositività «resta un tabù nella comunità gay» e si rende necessario «dare una nuova immagine positiva, ma realistica dell'hiv», secondo i creatori dellacampagna. Fuck positive ed il sito www.fuckpositive.ch volgiono, quindi, aiutare le persone ad impegnarsi in questo senso e combattere gli atteggiamenti negativi.

Il sito ricorda, innanzitutto, i principi di profilassi (sviluppati qui), primo fra tutti il fatto che bisogna utilizzareil preservativo; il sesso senza preservativo è riservato a casi specifici. In effetti, un sieropositivo recente è da 20 a 100 volte più contagioso.

Oltre alla vendita di una t-shirt American Apparel con la stampa « Fuck positive » (potete vederla nella galleria), i visitatori del sito sono invitati ad impegnarsi in materia di ascolto, dialogo e profilassi. L'attivismo positivo consisterà, per esempio, ad impegnarsi, nell'aprile 2013, nella campagna Break the Chains che mira a spezzare la catena dell'hiv/AIDS in Svizzera, come già avvenuto lo scorso anno (cfr. l'articolo di BlogMensGo.fr del 7 marzo 2012).

©Retroconference.org.

©Retroconference.org.

Da notare, tra l'altro, che la 20a Conferenza internazionale sui retrovirus e le infezioni (Croi 2013) si terrà ad Atlanta, dal 3 al 6 marzo 2013. Circa 400 medici e ricercatori discuteranno degli ultimi sviluppi della ricerca, in particolare su di un vaccino preventivo o curativo e sulle prospettive di sradicamento della pandemia (programma).

E, come sempre, l'associazione britannica NAM consacrerà un sito speciale dedicato alla conferenza Croi 2013. Sarà possibile abbonarsi ad una newsletter gratuita (a scelta tra sei lingue) che riassumerà i principali eventi della conferenza.

Traduzione da un articolo originale di Philca di MensGo.Fr.

Giorgio / MensGo

0 Risposta

  1. […] a differenza dello scorso anno in cui riguardava i soli cantoni di Ginevra e Zurigo (cfr. il nostro articolo dell’8 marzo 2013). Il rinnovo e l’estensione dell’esperienza sono giustificati dal successo […]

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Blog will give regular Commentators DoFollow Status. Implemented from IT Blögg